Bando alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica n.1/2018 – Pubblicazione della graduatoria provvisoria degli ammessi e dell’elenco degli esclusi provvisori

Bando alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica n.1/2018 – Pubblicazione della graduatoria provvisoria degli ammessi e dell’elenco degli esclusi provvisori

Ai sensi di quanto previsto dalla L.R. 25 ottobre 1996, n.96, recante ad oggetto “Norme per l’assegnazione e la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e per la determinazione dei relativi canoni di locazione”Art. 9 “Formazione della graduatoria”, si provvede alla pubblicazione della graduatoria provvisoria degli ammessi e dell’elenco degli esclusi provvisori.

Entro 30 (trenta) giorni dalla pubblicazione all’Albo pretorio gli interessati possono presentare opposizione, in carta legale, alla commissione che provvede, sulla base dei documenti già acquisiti o allegati al ricorso, entro 30 (trenta) giorni dalla scadenza del termine stabilito per la presentazione delle opposizioni.

Esaurito l’esame delle opposizioni, la commissione formulerà la graduatoria definitiva, previa effettuazione dei sorteggi tra i concorrenti che abbiano conseguito lo stesso punteggio. Il sorteggio viene effettuato dal presidente della commissione in forma pubblica.

La graduatoria pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione costituisce provvedimento definitivo.

Gli alloggi saranno assegnati secondo l’ordine stabilito nella graduatoria definitiva.

 

Si invitano, quindi, i cittadini interessati a produrre eventuali opposizioni entro 30 (trenta) giorni dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria degli ammessi e dell’elenco degli esclusi provvisori all’Albo pretorio dell’Ente.

 

Graduatoria provvisoria ammessi ed elenco provvisorio esclusi

AVVISO FORNITURA GRATUITA O SEMIGRATUITA DEI LIBRI DI TESTO AGLI STUDENTI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1° E DI 2° GRADO ANNO SCOLASTICO 2020/2021. Scadenza 31 marzo 2021.

AVVISO

 

FORNITURA GRATUITA O SEMIGRATUITA DEI LIBRI DI TESTO AGLI STUDENTI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1° E DI 2° GRADO

ANNO SCOLASTICO 2020/2021.

Scadenza 31 marzo 2021.

 

La Regione Abruzzo con la deliberazione di D. G. n. 696 del 10.11.2020 ha definito le procedure per la fornitura gratuita e semigratuita dei libri di testo per l’anno scolastico 2020-2021 a favore degli alunni frequentanti le Scuole Secondarie di I e II grado.

Il contributo è erogato esclusivamente per l’acquisto dei libri di testo. Non è pertanto finanziato l’acquisto di diari, vocabolari, sussidi e altro materiale di cancelleria.

 

 

REQUISITI

 

  • residenza nel Comune di Città Sant’Angelo;
  • frequenza della Scuola Secondaria di I o di II grado;
  • elenco libri di testo adottati dalla scuola di appartenenza;
  • fattura e/o scontrini fiscali IN ORIGINALE della spesa sostenuta;
  • attestazione ISEE, in corso di validità, alla data di presentazione della domanda valore non superiore ad

15.493,71 calcolato in base alle disposizioni dettate dal D.P.C.M. 5.12.2013, n. 159, rilasciata dai Centri di Assistenza Fiscale (CAF);

  • i finanziamenti regionali saranno ripartiti in base al numero delle domande pervenute, qualora la somma erogata dalla Regione sarà insufficiente a coprire il 100% delle spese sostenute dagli utenti, in relazione al numero delle domande ed alle risorse assegnate;
  • l’importo del beneficio non potrà superare il costo della dotazione dei testi della classe frequentata, così come previsto dalla nota MIUR prot. n. 581 e n.585 del 20.05/2020 ai sensi del D.D.P.C.M. n.320/1999,
  1. 226/2000 e n. 211 del 2006 di definizione dei tetti di spesa della dotazione libraria

 

 

MODALITÀ E TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

 

Il modello di domanda è reperibile presso:

  • Ufficio Pubblica Istruzione, Palazzo Municipale, 1° piano, Tel. 085.9696207

nei giorni di lunedì e mercoledì ore 8:30 – 11:30

nei giorni di martedì e giovedì ore 15:00 – 17:00;

  • il sito web: www.comune.cittasantangelo.pe.it;

La domanda per il rimborso libri di testo deve essere consegnata o spedita a mezzo raccomandata all’Ufficio Protocollo – Piazza IV Novembre, 1, piano terra entro il 31 marzo 2021, termine perentorio. Non verranno pertanto prese in considerazione le domande pervenute oltre tale data.

 

 

 

 

Città Sant’Angelo, 11 gennaio 2021                             

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

Dott. Antonino D’Arcangelo

modulo rimborso libri 2020-2021

TESSERINI DI LIBERA CIRCOLAZIONE ANNO 2021 – AVVISO AGLI UTENTI

La Regione Abruzzo, con nota Prot. n. 444739 del 14/12/2020, comunica che, in relazione all’emergenza in corso e alla necessità di limitare le presenze negli uffici pubblici, sia di utenti che di personale, la validità delle tessere di libera circolazione 2020 è prorogata per tutto il 2021, ai sensi dell’art. 103 del D.Lgs. 17 marzo 2020 n. 18 “Sospensione dei termini”.

AVVISO PUBBLICO “Misure urgenti di solidarietà alimentare” di cui all’articolo 2 del Decreto Legge 23 novembre 2020, n. 154 Deliberazione di Giunta Comunale n.36 del 31.03.2020

AVVISO PUBBLICO
“Misure urgenti di solidarietà alimentare” di cui all’articolo 2 del Decreto Legge 23 novembre 2020, n. 154.
Deliberazione di Giunta Comunale n.36 del 31.03.2020

Si porta a conoscenza che il Decreto Legge n.154 del 23 novembre 2020 autorizza l’acquisto di buoni spesa di generi alimentari e prodotti di prima necessità, in favore dei nuclei familiari più  esposti all’emergenza o che si trovano in stato di bisogno, con priorità per quelli non assegnatari di sostegno pubblico.
Le famiglie ed i cittadini interessati ad ottenere il beneficio – possono fare richiesta attraverso l’apposito modulo disponibile sul sito istituzionale dell’Ente e presso la sede comunale;
– per informazioni sono invitate a contattare il seguente numero telefonico 085 9696268 (lunedì e venerdì 8.30/11.30, martedì 15.30/17.30).
La richiesta dovrà pervenire a mano presso l’Ufficio Protocollo dell’Ente o via PEC
all’indirizzo comune.cittasantangelo@pec.it .
Si farà riferimento soltanto alla composizione anagrafica delle famiglie.
Si darà priorità ai cittadini
che non sono assegnatarie di sostegno pubblico;
– che hanno perso il lavoro;
– che hanno subito la sospensione per più mesi o chiusura dell’attività;
– che hanno lavori intermittenti resi critici dalle attuali oscillazioni del mercato;
– che hanno subito sostanziali riduzioni del reddito per forzata riduzione dell’orario di lavoro e/o del fatturato per cause indipendenti dalla propria volontà.

Tra i beneficiari possono annoverarsi anche coloro che pur percependo il reddito di cittadinanza o altro sostegno al reddito, a causa della situazione di emergenza sanitaria, abbiano subito l’interruzione della propria quota di reddito derivante dall’attività di lavoro autonomo o dipendente concorrente al RDC.
Tra i beneficiari possono annoverarsi, infine, anche altri soggetti, segnalati dai servizi sociali e non rientranti nelle categorie precedenti.
Tra i requisiti, si elencano i seguenti: residenza sul territorio comunale, per i cittadini stranieri non appartenenti UE, il possesso di un titolo di soggiorno in corso di validità, per tutti la situazione temporanea di bisogno derivante dall’emergenza sanitaria.
Le famiglie numerose con tre figli minori a carico riceveranno un buono aggiuntivo di € 50,00 e così per ogni ulteriore componente; il buono aggiuntivo spetterà anche per la presenza, nel nucleo familiare, di ogni soggetto diversamente abile.
Il valore del buono, a persona, viene fissato in € 50,00 e potrà essere speso per l’acquisto di derrate alimentari e prodotti di prima necessità (con esclusione delle bevande di qualsiasi genere). Si procederà ad un massimo di n.3 erogazioni per nucleo familiare (con cadenza mensile).

Eventuali ulteriori erogazioni saranno valutate dal Servizio Sociale.

L’erogazione del buono spesa non è compatibile con l’erogazione di altro contributo economico comunale.
Le famiglie numerose, con tre figli minori a carico, riceveranno un buono aggiuntivo di € 50,00 e così per ogni ulteriore componente.
Si ritiene utile fissare una prima scadenza per la presentazione delle domande al 07.01.2021. Le successive erogazioni avverranno quindicinalmente.

L’Amministrazione Comunale

AVVISO buoni spesa per cittadini 2020_2021

DICHIARAZIONE-SOSTITUTIVA-SOLIDARIETA-ALIMENTARE

DICHIARAZIONE-SOSTITUTIVA-SOLIDARIETA-ALIMENTARE

“Misure urgenti di solidarietà alimentare” di cui all’articolo 2 del Decreto Legge 23 novembre 2020, n. 154. Avviso agli esercenti del Comune di Città Sant’Angelo con attività di commercio al dettaglio a posto fisso di generi alimentari, prodotti di prima necessità e macellerie.

“Misure urgenti di solidarietà alimentare” di cui all’articolo 2 del Decreto Legge 23 novembre 2020, n. 154.
Avviso agli esercenti del Comune di Città Sant’Angelo con attività di commercio al dettaglio a posto fisso di generi alimentari, prodotti di prima necessità e macellerie.

Il Decreto Legge 23 novembre 2020, n. 154, recante “Misure finanziarie urgenti connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”, ha concesso al nostro Ente delle risorse da destinare a misure urgenti di solidarietà alimentare.
Ai sensi dell’articolo 2 del predetto Decreto il nostro Comune è autorizzato all’acquisizione di buoni spesa per l’acquisto dei generi alimentari o prodotti di prima necessità presso gli esercizi commerciali e di tali esercizi va fornito elenco apposito sul sito istituzionale dell’Ente.
Gli esercizi di Città Sant’Angelo che svolgono le predette attività possono chiedere di essere incluse in detto elenco.
Per poter essere ricompresi in questo elenco gli esercizi devono dare riscontro entro il 07.01.2021 (saranno accettate anche successive richieste) via mail o anche via telefono al Comune di Città Sant’Angelo, detto riscontro varrà come accettazione delle condizioni di fornitura del servizio come sotto specificate:
Condizioni di funzionamento del servizio:
1) l’esercizio che aderisce riceverà periodicamente dagli Uffici comunali un elenco dettagliato di cittadini che hanno fatto richiesta di spendervi il buono, tale elenco conterrà le generalità della persona titolare del buono e l’importo erogato.
2) Alla fine del mese l’esercente dovrà rimettere fattura elettronica all’Ente, specificando nome e cognome di chi ha speso il buono, la tipologia di merce acquistata e il totale del buono erogato per la persona, nonché il codice IPA – Codice univoco ufficio per Fatturazione Elettronica UFS1I2;
3) Sarà cura inoltre dell’esercente conservare la scontrino di vendita firmato dal titolare del buono al momento della consegna della merce.
4) L’esercente è responsabile del corretto utilizzo del buono da parte del cittadino.
Pertanto, in caso di comprovato utilizzo scorretto del buono (emergente dall’elenco dei prodotti riportato in fattura o allegato alla stessa), il valore dello stesso dovrà essere riversato all’Ente. Si rammenta che i buoni spesa possono essere utilizzati dai cittadini ESCLUSIVAMENTE per l’acquisto di generi alimentari o di prima necessità, con DIVIETO ASSOLUTO di acquisto di alcoolici e superalcoolici.

Telefono: 0859696262 per emissione buoni spesa
Indirizzo e-mail: valerio.danteo@comune.cittasantangelo.pe.it
Telefono: 0859696213 per fatturazione
Indirizzo e-mail: simona.sardini@comune.cittasantangelo.pe.it
L’Amministrazione Comunale

AVVISO PER COMMERCIANTI SOLIDARIETA’ ALIMENTARE

AVVISO PER COMMERCIANTI SOLIDARIETA’ ALIMENTARE

 

ART.11 DELLA LEGGE 09.12.1998, N.431 – FONDO NAZIONALE PER IL SOSTEGNO AL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE A FAVORE DEI CONDUTTORI DI IMMOBILI AD USO ABITATIVO, IN POSSESSO DEI REQUISITI FISSATI CON DECRETO DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI DEL 07.06.1999 Anno 2020 (locazioni anno 2019)

AVVISO PUBBLICO

E’ possibile presentare richiesta di accesso al fondo nazionale per il sostegno al pagamento dei canoni di locazione a favore dei conduttori di immobili ad uso abitativo in possesso dei requisiti fissati con decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 07.06.1999.

Tutti gli interessati, residenti nel Comune di Città Sant’Angelo ed in possesso dei requisiti minimi sopra indicati, possono avanzare idonea richiesta al fine di beneficiare dei contributi integrativi previsti per il pagamento dei canoni di locazione, per il tramite delle risorse assegnate alla Regione Abruzzo dal fondo nazionale. Le domande, da compilarsi su apposito modello, dovranno pervenire all’Ufficio Protocollo dell’Ente entro e non oltre il 30 novembre 2020, ore 12,30, dovendo gli uffici competenti predisporre i necessari adempimenti istruttori per la trasmissione dei dati alla Regione Abruzzo.

SI FA PRESENTE CHE, A CAUSA DELL’EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID 19, EVENTUALI INFORMAZIONI SULLA COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA POTRANNO ESSERE RICHIESTE TELEFONICAMENTE AI SEGUENTI NUMERI:

DAL LUNEDI’ AL VENERDI’ IN ORARIO D’UFFICIO
085.9696.282 – 085.9696.207 – 085.9696.233 – 085.9696.213

LA MANCATA COMPILAZIONE IN TUTTE LE RISPETTIVE PARTI DELLA MODULISTICA E DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE NON CONSENTIRA’ L’ISTRUTTORIA DELLA PRATICA

 

IL RESPONSABILE DEI SERVIZI SOCIALI

 

VISTO l’art. 11 della Legge 09.12.1998, n. 431 che:

1) istituisce, presso il Ministero dei Lavori Pubblici, un fondo nazionale per il sostegno al pagamento dei canoni di locazione a favore dei conduttori di immobili ad uso abitativo in possesso dei requisiti fissati con decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 07.06.1999;

2) disciplina la concessione dei contributi integrativi per il pagamento dei canoni di locazione, da effettuarsi sulla base di apposita graduatoria comunale ed in relazione alla sussistenza dei seguenti requisiti riferiti al nucleo familiare del richiedente:

  • residenza nel Comune;
  • reddito annuo imponibile complessivo:
    • non superiore a due pensioni minime   INPS anno 2019 (pari ad € 13.192,92), rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione risulti non inferiore al 14%;
    • non superiore ad € 15.853,63, rispetto al quale   l’incidenza del    canone   di   locazione risulti non inferiore al 24%;

 

PREMESSO che ai fini di stabilire il requisito per accedere ai contributi è utilizzato il reddito convenzionale (pari ad € 15.853,63), mentre ai fini dell’incidenza canone/reddito deve farsi riferimento al reddito imponibile.

 

 RENDE NOTO CHE

 Tutti gli interessati, residenti nel Comune di Città Sant’Angelo ed in possesso dei requisiti minimi sopra indicati, possono avanzare idonea richiesta al fine di beneficiare dei contributi integrativi previsti per il pagamento dei canoni di locazione, per il tramite delle risorse assegnate alla Regione Abruzzo dal fondo nazionale.

Le domande, da compilarsi su apposito modello disponibile presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune, dovranno pervenire all’Ufficio Protocollo dell’Ente entro e non oltre il 30 novembre 2020, ore 12,30, dovendo gli   uffici competenti predisporre i necessari adempimenti istruttori per la trasmissione dei dati alla Regione Abruzzo.

 

Secondo quanto previsto dal Decreto Ministeriale del 12/08/2020 ad oggetto “Fondo nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione. Riparto ulteriore disponibilità anno 2020” (Gazzetta Ufficiale – Serie Generale del 6/10/2020 n. 247):

  • comma 4 dell’art. 1: è stato ampliato l’accesso ai contributi ai soggetti in possesso di un indice della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore ad € 35.000,00 e che si trovino in condizioni di precarietà determinata dall’emergenza COVID-19, che abbia comportato una perdita del proprio reddito IRPEF superiore al 20% nel periodo marzo-maggio 2020 rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente e di non disporre di sufficiente liquidità per far fronte al pagamento del canone di locazione e/o degli oneri accessori. Tale condizione deve essere necessariamente certificata con apposita dichiarazione resa nelle forme di legge;

–          comma 5 dell’art.1: il contributo non è cumulabile con la quota destinata all’affitto del cd.  reddito di cittadinanza di cui al decreto-legge 28 gennaio 2019, n.4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n.26 e successive modificazioni ed integrazioni.

 

Alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione:

  • attestazione ISEE riferita ai redditi conseguiti nell’anno 2018;
  • certificazione comprovante la situazione di handicap ai sensi della Legge 104/92 (o invalidità superiore al 66%) di componente del nucleo familiare del richiedente rilasciata dall’Azienda U.S.L.;
  • copia del contratto di locazione regolarmente registrato, con i dati riferiti alla registrazione ed al canone corrisposto al/i locatore/i nell’anno 2019;
  • documentazione attestante lo sfratto esecutivo;
  • copia di documento di riconoscimento;
  • autocertificazione attestante la residenza da almeno dieci anni nel territorio nazionale ovvero cinque nella medesima Regione (per gli immigrati), come previsto dall’art.11, co.13, L. 06.08.2008, n.133.

Città Sant’Angelo, lì 22.10.2020.

 

 

Il Responsabile dei Servizi Sociali

(Dott. Antonino D’Arcangelo)

 

 

modulo_avviso_affitto 2020 per 2019

modulo_avviso_affitto2020 per 2019

 

Buoni spesa – modalità di presentazione delle richieste

L’Ordinanza n.658 in data 29 marzo 2020 del Capo Dipartimento della Protezione Civile autorizza l’acquisto di buoni spesa di generi alimentari di prima necessità, in favore dei nuclei familiari più esposti all’emergenza o che si trovano in stato di bisogno, con priorità per quelli non assegnatari di sostegno pubblico.

Le famiglie interessate ad ottenere il beneficio sono invitate a contattare i seguenti numeri telefonici soltanto per richiedere informazioni

085 9696233, 085 9696207 e 085 9696282

Sarà data priorità alle famiglie che non sono assegnatarie di sostegno pubblico.

Le famiglie interessate ad ottenere il beneficio sono invitate a compilare la domanda (la modulistica da utilizzare è quella riportata sotto) via pec all’indirizzo comune.cittasantangelo@pec.it oppure a consegnarla a mano all’ufficio protocollo del Comune corredata da documento di identità e/o carta di soggiorno; non verranno prese in considerazione domande inviate tramite mail ordinaria.

Per i cittadini che avessero già ricevuto tre erogazioni di aiuti (comprendenti buoni spesa e/o altre forme di contribuzione economica) da parte dell’Ente, la richiesta di erogazione di ulteriori aiuti verrà valutata dal Servizio Sociale ed accolta soltanto in caso di comprovata ed estrema necessità.

Il valore del buono, a persona, viene fissato in € 50,00 e potrà essere speso per l’acquisto di derrate alimentari (con esclusione delle bevande di qualsiasi genere).

Le famiglie numerose, con tre figli minori a carico, riceveranno un buono aggiuntivo di € 50,00 e così per ogni ulteriore componente.

I buoni potranno essere spesi al massimo in due esercizi commerciali e comunque in un’unica soluzione per ciascun esercizio commerciale.

Dichiarazione sostitutiva per solidarietà alimentare

 

 

L’Amministrazione Comunale

Interventi per il Dopo Di Noi – Annualità 2018 – Avviso pubblico

E’ possibile presentare domanda ai sensi della L. 112 DEL 22/06/2016 – Interventi a favore di persone con disabilità grave prive di
sostegno familiare – dopo di noi – finanziamento annualità 2018.

Premesso che

– la Regione Abruzzo – Dipartimento Politiche per la Salute e il Welfare / Servizio per il Benessere Sociale con DGR N. 343 del 22.06.2020 ha approvato il programma attuativo anno 2018 relativo agli interventi attuabili con i fondi assegnati a valere sulla Legge 22 giugno 2016 n. 112 concernente il “dopo di noi” e relativo Decreto attuativo del 23.11.2016 del Ministero del Lavoro e delle
Politiche Sociali;
– la Regione Abruzzo – Dipartimento Politiche per la Salute e il Welfare / Servizio per il Benessere Sociale con Determina n. DPF013/72 del 20.08.2020 – Ripartizione risorse tra gli ATS annualità 2018 ha assegnato all’ADS n.16 Metropolitano la somma complessiva di € 79.897,14;

– gli interventi sono rivolti a persone con disabilità grave che attraverso la costruzione di progetti individualizzati, della durata di almeno un anno, sono orientate verso l’autonomia e l’uscita dal nucleo familiare di origine, anche mediante soggiorni temporanei al di fuori del contesto familiare;
– l’obiettivo è quello di garantire la massima autonomia e indipendenza delle persone con disabilità grave, non determinata dal naturale invecchiamento o da patologie connesse alla senilità, prive di sostegno familiare in quanto mancanti di entrambi i genitori o perché gli stessi non sono in grado di fornire l’adeguato sostegno genitoriale, nonché in vista del venir meno del sostegno familiare, attraverso la progressiva presa in carico della persona interessata già durante l’esistenza in vita dei genitori;
– altresì mira ad evitare l’istituzionalizzazione con il coinvolgimento in progetti dei soggetti interessati e nel rispetto della volontà delle persone con disabilità grave, ove possibile dei loro genitori o di chi ne tutela gli interessi.

E’ possibile attuare le seguenti tipologie di interventi:
– a) Percorsi programmati di accompagnamento per l’uscita dal nucleo familiare di origine ovvero per la deistituzionalizzazione anche prevedendo interventi di coinvolgimento delle strutture alloggiative già esistenti e autorizzate ai sensi della D.G.R. n.1230/2001 – art. 3, commi 2 e 3 del DPCM del 23 novembre 2016 – € 28.051,10;
– b) Interventi di supporto alla domiciliarità in soluzioni alloggiative che presentino caratteristiche di abitazioni, inclusa l’abitazione di origine, o gruppi-appartamento o soluzioni di co-housing che riproducano le condizioni abitative e relazionali della casa familiare, – dell’articolo 3 comma 4 del DPCM del 23.11.2016 – € 22.440,88;
– c) Programmi socio – educativi finalizzati a favorire l’accrescimento delle abilità e di sviluppo delle competenze quali laboratori diurni da realizzarsi in sinergia con le Associazioni delle famiglie dei disabili – art. 3, comma 5 del DPCM del 23 novembre 2016 – € 26.288,37;
– e) Soggiorni temporanei al di fuori del contesto familiare – art. 3, comma 7 del DPCM 23 novembre 2016 – € 3.116,79;

I beneficiari sono:
– persone in condizione di disabilità grave certificata ai sensi della L 104/1992 art. 3, comma 3, accertata nelle modalità indicate nell’art. 4 della medesima legge
– prive del sostegno familiare, come definito col Decreto ministeriale 23 novembre 2016, (art. 1, comma 1, lett. b), ossia, persone con disabilità grave, non determinata dal naturale invecchiamento o da patologie connesse alla senilità, prive di sostegno familiare in quanto mancanti di entrambi i genitori o perché gli stessi non sono in grado di fornire l’adeguato sostegno genitoriale, nonché in vista del venir meno del sostegno familiare.
– un’età superiore a 18 anni

La realizzazione dell’intervento avverrà attraverso le seguenti fasi:
• FASE A – Pubblicazione da parte dell’ECAD di avviso pubblico con allegai modello di domanda;

• FASE B – Presentazione all’ECAD competente per territorio di un’istanza a firma del richiedente il beneficio, o se impossibilitato da chi ne cura gli interessi, nella quale si attesta il possesso dei requisiti soggettivi di ammissibilità e che illustra le caratteristiche essenziali relative alla situazione individuale, la situazione familiare, gli obiettivi del progetto di vita autonoma e i servizi e le prestazioni richiesti a supporto;
• FASE C – L’ECAD attiva l’U.V.M. distrettuale competente che prende in carico il caso e lo valuta, secondo i principi della valutazione bio – psico – sociale;
• FASE D – All’esito della valutazione dell’UVM, l’ECAD trasferisce alla Regione entro il 30.10.2020 il “Programma di ambito” con allocazione del budget tra i diversi interventi in base alle esigenze scaturite dal territorio;
• FASE E – L’ECAD competente per territorio sottoscrive con il soggetto beneficiario e il suo nucleo familiare un apposito contratto per l’attuazione del Progetto dopo di Noi riportante gli obblighi reciproci.

 

Le richieste possono essere inviate al Comune di Spoltore entro il 23.10.2020, secondo le modalità stabilite nella documentazione allegata.

dopo di noi

SPOLTORE_Modello di domanda DOPO DI NOI

402 del 28 09 2020