AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA VOLTA ALL’ASSEGNAZIONE DI BORSE LAVORO PER CITTADINI SVANTAGGIATI ANNO 2024

SCADENZA PROROGATA AL 29.03.2024

Il presente Avviso prevede l’attribuzione di borse lavoro della durata di almeno mesi 3 (tre) e massimo di mesi 12 (dodici), rinnovabili di 3 (tre) mesi in 3 (tre) mesi, con corresponsione di € 500,00 mensili, previo espletamento di 25 ore settimanali, da svolgere presso articolazioni organizzative dell’Ente o Aziende private.

I requisiti di accesso, da possedere al momento della presentazione della domanda, pena esclusione, sono i seguenti:

  1. residenza nel Comune di Città Sant’Angelo;
  2. maggiore età;
  3. per i cittadini comunitari ed extracomunitari, essere in regola con le norme che disciplinano il soggiorno in Italia (carta di soggiorno – permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, art.9 Legge 286/1998 e successive modificazioni);
  4. presenza di situazione di particolare disagio socio-economico, rappresentata da un’attestazione ISEE in corso di validità non superiore ad € 9.000,00;
  5. possesso del diploma di scuola secondaria di primo grado;
  6. non aver beneficiato nell’anno in corso di tirocini, borse lavoro e/o redditi di inserimento erogati direttamente o indirettamente (Abruzzo Inclusivo, Abruzzo Include, Progetto Cielo, etc…) dal Comune di Città Sant’Angelo;
  7. non beneficiare attualmente di tirocini, borse lavoro e/o redditi di inserimento erogati direttamente o indirettamente (Reddito di Cittadinanza, Abruzzo Inclusivo, Abruzzo Include, Progetto Cielo, etc…) dal Comune di Città Sant’Angelo, che superino l’erogazione mensile di € 500,00;
  8. non aver beneficiato nell’anno in corso e non beneficiare attualmente di altri aiuti equivalenti erogati da altri Enti, che superino l’erogazione mensile di € 500,00;
  9. in caso di presenza di invalidità, possesso di certificazione attestante l’invalidità. Sono esclusi gli inabili al lavoro (inabilità certificata);
  10. essere privi di lavoro ed essere iscritti al Centro per l’Impiego;
  11. non percepire prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (NASpI) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione volontaria;
  12. non essere beneficiari di sussidi economici a carattere nazionale come il REI (Reddito di Inclusione) ed il RdC (Reddito di Cittadinanza), che superino l’erogazione mensile di € 500,00;

Criteri di valutazione:

GRIGLIA DI VALUTAZIONE BORSE LAVORO
INDICATORI DI DETTAGLIO   totale 100  Punti
AREA SOCIALE  max punti 77
1 Età4
2Composizione nucleo familiare10
3Condizioni di disagio sociale37
4situazione abitativa8
5invalidità2
6valutazione disagio economico10
AREA PSICOLOGICA max punti 19
7Valutazione esperienze professionali ed attinenza al ruolo richiesto19
8 Aspetti psicologici6
AREA DELLE COMPETENZE max punti 4
9conoscenza ed uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse4

In caso di non accettazione e/o rinuncia alla borsa lavoro da parte degli aspiranti utilmente collocati nella graduatoria, si procederà allo scorrimento della stessa.

In caso di parità di punteggio, avrà precedenza l’utente più giovane.

In caso di richiesta effettuata da più membri dello stesso nucleo familiare, potrà beneficiare della Borsa lavoro il solo componente che avrà raggiunto il punteggio più alto.

Documentazione obbligatoria da allegare alla richiesta

  1. copia del documento di riconoscimento in corso di validità;
  2. per i cittadini comunitari ed extracomunitari permesso di soggiorno – permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, art.9 Legge 286/1998 e successive modificazioni;
  3. attestazione ISEE in corso di validità;
  4. eventuale certificazione di invalidità;
  5. compilazione delle schede allegate al modulo di domanda relative alle esperienze lavorative ed alle competenze acquisite;
  6. iscrizione al Centro per l’Impiego, Dichiarazione di Immediata Disponibilità (DID) e Patto di servizio (è ammessa autocertificazione);
  7. copia di certificazione del competente servizio ASL, per le persone affette da dipendenze e/o patologie psichiatriche, attestante il completamento del percorso di riabilitazione ed inserimento, nonché la possibilità di inserimento lavorativo (se ricorre il caso);
  8. eventuali attestazioni possedute circa la frequenza di corsi professionalizzanti / formativi / informatici.

 

Le richieste, da compilarsi su apposito modello disponibile presso l’Ufficio Servizi Sociali e sul sito internet del Comune di Città Sant’Angelo all’indirizzo http://www.comune.cittasantangelo.pe.it dovranno pervenire entro e non oltre il 29.03.2024. Per informazioni tel. 0859696282 – 0859696207 – 0859696233.

Il presente avviso è da intendersi pienamente ed incondizionatamente accettato con la partecipazione allo stesso.

Si precisa che tutti coloro che presenteranno istanza saranno sottoposti ad accertamenti e controlli come previsto dalla normativa nazionale vigente, relativamente a quanto dichiarato e/o documentato. Nei casi accertati di falsa dichiarazione, sarà fatta denuncia all’Autorità giudiziaria.

Città Sant’Angelo lì, 15.01.2024.

 

AVVISO_E_MODULO_BORSE_LAVORO_2024

AVVISO_E_MODULO_BORSE_LAVORO_2024

Scheda esperienze lavorative e competenze acquisite

LEGGE REGIONALE N. 57/2012 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE AVVISO PRESENTAZIONE PROGETTO PERSONALIZZATO ANNUALITA’ 2024

Obiettivi
L’assistenza personale autogestita permette di vivere a casa propria e di organizzare la propria vita, come fanno le persone senza disabilità e consente alle famiglie di essere più libere da obblighi assistenziali.
Destinatari
Gli interventi di cui alla L.R. del 23 Novembre 2012, n. 57 “Interventi per la vita indipendente” sono rivolti esclusivamente alle persone:
– con disabilità in situazione di gravità, come individuate dall’articolo 3, comma 3, della legge
104/1992;
– con ISEE in corso di validità (ISEE socio sanitario dove la composizione del nucleo familiare lo consente) non superiore ad € 20.000,00;
– di età superiore ai 18 anni;
– soggetti con disabilità psico-relazionali anche attraverso il proprio rappresentanti legali;

– residenti in uno dei Comuni afferenti all’ADS n. 16 Metropolitano di seguito elencati: Brittoli, Cappelle sul T avo, Catignano, Cepagatti, Città S. Angelo, Civitaquana, Elice, Moscufo, Nocciano, Pianella, Spoltore, Rosciano.
Tipologia dell’intervento
La persona con disabilità sceglie autonomamente il proprio assistente personale, che può essere anche un familiare, ed è tenuta a regolarizzarne il rapporto di lavoro nel rispetto delle forme contrattuali previste dalla normativa vigente.
Modalità di richiesta di finanziamento
1. L’assistenza personale autogestita è realizzata attraverso l’attuazione del progetto personalizzato di una durata di 12 mesi, presentato dalla persona interessata nonché dal rappresentante legale del predetto soggetto nel caso di disabile psico-relazionale, con cadenza annuale agli Enti Capofila di Ambito Distrettuale (ECAD) di riferimento, anche per il tramite del Comune di residenza; i progetti verranno finanziati nel rispetto delle risorse disponibili nel bilancio regionale.
2. Gli ECAD, entro 10 giorni dalla scadenza di presentazione delle istanze e dei progetti presentati dai soggetti interessati attivano, le UVM, del Distretto sanitario competente per territorio, per la valutazione e la verifica dei progetti stessi.
3. I progetti inviati sono valutati dall’equipe multidisciplinare, nel rispetto di quanto stabilito dalla Determinazione Dirigenziale n. 138 del 13.12.2017 e dalla Delibera di G.R. n. 759 del 15.12.2017, con contestuale determinazione dei livelli di intensità assistenziale in base ai criteri di cui all’art. 5 e all’articolo 8, comma 1, lettere a), b), c) e d) della L.R. 57/2012. Nella valutazione dei progetti la persona con disabilità che ha fatto richiesta di assistenza personale è parte integrante dell’equipe multidisciplinare.
4. I livelli di intensità del bisogno assistenziale sono 4: MOLTO ALTO, ALTO, MEDIO e BASSO.
5. Il finanziamento massimo erogabile secondo i livelli di intensità di bisogno assistenziale rilevati dall ‘UVM sono:
Livello assistenziale Finanziamento massimo Durata
MOLTO ALTO € 12.000,00 12 mesi
ALTO € 10.000,00 12 mesi
MEDIO € 8.000,00 12 mesi
BASSO € 6.000,00 12 mesi
6. Gli ECAD, successivamente alla valutazione comunicata dagli UVM, inviano la richiesta di finanziamento alla Direzione della Giunta Regionale competente in materia di politiche sociali.
Domande di progetto di Vita Indipendente
1. Gli utenti che desiderano utilizzare questa tipologia di assistenza predispongono e presentano un progetto individuale per la “vita indipendente” e la richiesta del relativo finanziamento all’ECAD di appartenenza, anche per il tramite del proprio Comune di residenza, sui modelli di Domanda ed Elaborazione del Progetto, predisposti dalla Direzione Regionale competente, allegato al presente avviso, unitamente alla seguente documentazione:
a) certificazione rilasciata ai sensi dell’art. 3, comma 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (Legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate);
b) proposta di piano personale che illustra le esigenze personali e gli obiettivi di massima che si intendono soddisfare;
c) piano economico generale di spesa preventivato in base al monte di assistenza previsto;
d) attestazione ISEE in corso di validità, socio sanitario dove la composizione del nucleo familiare lo consente.
2. La richiesta e il relativo progetto devono essere sottoscritti dall’utente, o in caso di impossibilità, dal suo legale rappresentante.
Voci di spesa ammesse al finanziamento
1. Sono ammesse a finanziamento le seguenti tipologie di spesa:
a) somme corrisposte all’assistente personale per le prestazioni fornite, in base al tipo di rapporto di lavoro instaurato e al rispetto del CCNL di riferimento;
b) contributi previdenziali ed assicurativi previsti per legge;
c) eventuali spese di vitto/alloggio nel caso di effettuazione del servizio fuori della sede di residenza;
d) spese di rendicontazione per una quota massima del 10% di ciascun progetto.
2. L’ECAD esercita la vigilanza ed il controllo sull’attività svolta dall’operatore nei confronti dell’utente e verifica, anche sulla base del gradimento dichiarato dall’utente stesso, l’efficacia dell’intervento rispetto alle finalità auspicate.
La domanda di “Progetto di Vita Indipendente”, annualità 2024, redatto su apposito modello regionale, deve essere presentata, entro il 31 GENNAIO 2024 mediante:
consegna diretta presso l’Ufficio Protocollo del Comune di Spoltore – ECAD n. 16 Metropolitano – Via G. Di Marzio, n. 66 – 65010 Spoltore (PE) nei seguenti giorni e orari di apertura al pubblico:
dal lunedì al venerdì dalle ore 8.40 alle ore 13.30; o martedì e giovedì dalle ore 15.30 alle ore 17.30; a mezzo PEC al seguente indirizzo: protocollo@pec.comune.spoltore.pe.it.
L’INTERESSATO PUO’ CONSEGNARE LA DOMANDA ANCHE PRESSO IL PROPRIO COMUNE Dl RESIDENZA SEMPRE ENTRO IL 31 GENNAIO 2024. SARA’ COMPITO DEL COMUNE Dl RESIDENZA INVIARE LE RICHIESTE DEBITAMENTE PROTOCOLLATE SINGOLARMENTE IN ARRIVO e IN PARTENZA, ALL’ECAD N. 16 COMUNE Dl SPOLTORE ENTRO IL 02 FEBBRAIO 2024.
IL SERVIZIO Dl SEGRETARIATO SOCIALE DEL COMUNE Dl RESIDENZA E’ A DISPOSIZIONE PER OGNI EVENUALE INFORMAZIONE.

Modello Regionale_Domanda e Progetto Personalizzato

Avviso contributi per la Vita Indipendente

 

AVVISO PUBBLICO per manifestazioni d’interesse finalizzate alla composizione del partenariato per la presentazione di una proposta progettuale, finalizzata alla realizzazione di progetti, da finanziare con il fondo per l’inclusione delle persone con disabilità, mirati a favorire interventi ed iniziative dedicate alle persone con disturbo dello spettro autistico.

AVVISO PUBBLICO
per manifestazioni d’interesse finalizzate alla composizione del partenariato per la presentazione di una proposta progettuale, finalizzata alla realizzazione di progetti, da finanziare con il fondo per l’inclusione delle persone con disabilità, mirati a favorire interventi ed iniziative dedicate alle persone con disturbo dello spettro autistico.

 

D.P.C.M. 29/07/2022 – Fondo per l’inclusione delle persone con disabilità. DGR n. 101 del 28/02/2023 – Programmazione degli interventi diretti a favorire iniziative dedicate alle persone con disturbo dello spettro autistico. Approvazione Avviso pubblico per manifestazioni d’interesse finalizzate alla composizione del partenariato per la presentazione di una proposta progettuale.

La Regione Abruzzo, con DGR n. 101 del 28/02/2023, ha approvato la programmazione degli interventi diretti a favorire iniziative dedicate alle persone con disturbo dello spettro autistico, in attuazione del D.P.C.M. del 29/7/2022 di riparto delle risorse del fondo per l’inclusione delle persone con disabilità.
Il Comune di Pescara ha:
– preso atto delle quattro dichiarazioni di disponibilità alla partecipazione in partenariato con l’ADS n. 15 Pescara nel ruolo di capofila progettuale da parte dell’ADS n. 16 “Metropolitano”, dell’ADS n. 17 “Montagna Pescarese”, dell’ADS n. 18 “Montesilvano” e dell’ADS n. 19 “Vestino”;
– espresso la volontà di candidare una propria proposta progettuale, in qualità di capofila di progetto, elaborata con la collaborazione dei soggetti partner così come delineati all’art. 4 dell’Avviso regionale, che, per quanto concerne gli Enti del Terzo Settore, saranno identificati attraverso la pubblicazione di una manifestazione di interesse per l’adesione al partenariato;
– pubblicato un Avviso di manifestazione di interesse volto all’individuazione dei soggetti del Terzo Settore (Organizzazioni di volontariato, Associazioni di promozione sociale e Fondazioni del Terzo Settore) che costituiranno il partenariato per la candidatura della proposta progettuale a valere sul già menzionato Avviso regionale.

Il termine per la presentazione delle candidature all’Avviso è fissato alle ore 13:00 del giorno 27/11/2023.
Pertanto, con la presente si chiede di darne la massima diffusione attraverso la pubblicazione sui rispettivi siti istituzionali. Tutta la documentazione relativa all’Avviso in oggetto è reperibile al seguente link: https://www.comune.pescara.it/node/8965 (CTRL + click sul link per aprire il collegamento).

 

modello di domanda

nota istruzioni

Allegato B Avviso

avviso spettro autistico

 

 

 

 

Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne – spettacolo teatrale “Figlio, non sei più Giglio” di Mariella Nava e Daniela Poggi, scritto e diretto da Stefania Porrino

In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne il Comune di Città Sant’Angelo, in collaborazione con Bottega Poggi, presenta lo spettacolo “Figlio, non sei più Giglio” di Mariella Nava e Daniela Poggi, scritto e diretto da Stefania Porrino. L’evento si terrà presso il Teatro Comunale il 24 novembre 2023 alle ore 21.00.

 

Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

 

L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti.

 

FORNITURA GRATUITA O SEMIGRATUITA DEI LIBRI DI TESTO AGLI STUDENTI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1° E DI 2° GRADO ANNO SCOLASTICO 2023/2024. Scadenza 30 Marzo 2024

La Regione Abruzzo con la deliberazione di D. G. n.679 del 17.10.2023 ha definito le procedure per la fornitura gratuita e semigratuita dei libri di testo per l’anno scolastico 2023-2024 E.F. 2023 a favore degli alunni frequentanti le Scuole Secondarie di I e II grado.

Il contributo è erogato esclusivamente per l’acquisto dei libri di testo. Non è pertanto finanziato l’acquisto di diari, vocabolari, sussidi e altro materiale di cancelleria.

 

REQUISITI

  •  residenza nel Comune di Città Sant’Angelo;
  • frequenza della Scuola Secondaria di I o di II grado;
  • elenco libri di testo adottati dalla scuola di appartenenza;
  • fattura e/o scontrini fiscali IN ORIGINALE della spesa sostenuta;
  • attestazione ISEE, in corso di validità, alla data di presentazione della domanda valore non superiore ad € 15.493,71 calcolato in base alle disposizioni dettate dal D.P.C.M. 5.12.2013, n. 159, rilasciata dai Centri di Assistenza Fiscale (CAF);
  • i finanziamenti regionali saranno ripartiti in base al numero delle domande pervenute, qualora la somma erogata dalla Regione sarà insufficiente a coprire il 100% delle spese sostenute dagli utenti, in relazione al numero delle domande ed alle risorse assegnate;
  • l’importo del beneficio non potrà superare il costo della dotazione dei testi della classe frequentata, così come previsto ai sensi del D.D.P.C.M. n.320/1999, n. 226/2000 e n. 211/2006 di definizione dei tetti di spesa della dotazione libraria e del Decreto Dipartimentale n.425 del 30 Marzo 2023 del Ministero dell’Istruzione e del Merito Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione per l’anno scolastico 2023/2024.E.F. 2023.

MODALITÀ E TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Il modello di domanda è reperibile presso:

  • Ufficio Pubblica Istruzione, Palazzo Municipale, 1° piano, Tel. 085.9696207

nei giorni di lunedì e mercoledì ore 8:30 – 11:30

nei giorni di martedì e giovedì ore 15:00 – 17:00;

  • il sito web: www.comune.cittasantangelo.pe.it;

La domanda per il rimborso libri di testo può essere presentata in una delle seguenti modalità:

  • a mano presso l’Ufficio Protocollo, sito al piano terra della sede municipale Piazza IV Novembre, 1;
  • spedita a mezzo raccomandata intestata a Comune di Città Sant’Angelo – Ufficio Pubblica Istruzione– Piazza IV Novembre, 1;
  • a mezzo pec all’indirizzo cittasantangelo@pec.it.

Il termine per la presentazione delle domande è fissato  entro il 30 marzo 2024, termine perentorio. Non verranno pertanto prese in considerazione le domande pervenute oltre tale data.

 

manifesto_rimborso_libri_2023-24

domanda_rimborso_2023_24

domanda_rimborso_2023_24

 

PIANO NAZIONALE Dl RIPRESA E RESILIENZA (PNRR) – MISSIONE 5 – COMPONENTE 2 – SOTTO COMPONENTE 1 – INVESTIMENTO 1.2 – PERCORSI Dl AUTONOMIA PER PERSONE CON DISABILITÀ.

PIANO NAZIONALE Dl RIPRESA E RESILIENZA (PNRR) – MISSIONE 5 – COMPONENTE 2 – SOTTO COMPONENTE 1 – INVESTIMENTO 1.2 – PERCORSI Dl AUTONOMIA PER PERSONE CON DISABILITÀ.

INDAGINE Dl MERCATO FINALIZZATA ALL’AFFIDAMENTO DIRETTO DEL SERVIZIO Dl FORNITURA Dl FIGURE PROFESSIONALI DA INSERIRE NELL’EQUIPE MULTIDISCIPLINARE IN QUALITA’ Dl EDUCATORE PROFESSIONALE E OPERATORE TECNICO ADDETTO ALL’ASSISTENZA (OTA).

Il Comune di Spoltore, in qualità di soggetto attuatore delle risorse del progetto di cui trattasi, ha pubblicato sul proprio sito istituzionale un’indagine conoscitiva finalizzata ad individuare gli operatori economici da consultare per l’espletamento dell’affidamento diretto del servizio di fornitura di figure professionali da inserire nell’equipe multidisciplinare in qualità di educatore professionale e operatore tecnico addetto all’assistenza (OTA).

Il link al quale poter prendere visione di quanto sopra e dei relativi allegati è:

https://www.comune.spoltore.pe.it/area_letturaNotizia/301486/pagsistema.html

 

La scadenza prevista per la presentazione delle istanze è il 14/11/2023.

Contatti:

Responsabile Ufficio di Piano Dott.ssa Silvia Di Giosaffatte

Città di Spoltore – Via G. di Marzio, 66, 65010 Spoltore (PE) – Telefono 085 49641 – P.IVA 00128340684 Posta elettronica : silviadiajosaffatte@comune.spoltore.pe.it

PROGETTO “IM – PRENDO” VOLTO AD ACCRESCERE L’OCCUPABILITÀ DEI GIOVANI (19/35 ANNI) – SCADENZA AVVISO PROROGATA AL 11.12.2023

LA SCADENZA DEL PRESENTE AVVISO E’ STATA PROROGATA AL 11.12.2023

COMUNE DI SPOLTORE
ENTE CAPOFILA AMBITO DISTRETTUALE
PROGETTO “IM – PRENDO”
FINANZIATO CON IL FONDO NAZIONALE POLITHCE GIOVANILI
ANNUALITÀ 2021
CUP: D99G21000210001
AVVISO PUBBLICO
PER MANIFESTARE IL PROPRIO INTERESSE ALLA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO “IM – PRENDO” VOLTO AD ACCRESCERE L’OCCUPABILITÀ DEI GIOVANI (19/35 ANNI) FAVORENDO LO SVILUPPO DELLA VOCAZIONE D’IMPRESA, SOPRATTUTTO NELL’AMBITO DELLA PROMOZIONE CULTURALE E DELLA VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO.
Approvato con Determina n. 771 del 31/10/2023
1. Premessa
Il Fondo Nazionale per le Politiche Giovanili (FNPG), istituito con il decreto-legge n. 223 del 4 luglio 2006 convertito, con modificazioni, dalla legge n. 248 del 4 agosto 2006, ha dato avvio a una stretta collaborazione tra Governo e Regioni tramite Accordi fra pubbliche amministrazioni ai sensi della legge n. 241 del 7 agosto 1990, art. 15 e successive modifiche.
Per l’annualità 2021, la nuova Intesa tra il Governo e le Regioni di cui al repertorio atti della Conferenza Unificata n. 45/CU del 5 maggio 2021, che definisce indirizzi, procedure e criteri di riparto del Fondo, ha ribadito la priorità di dare impulso e sostegno al rafforzamento del ruolo attivo dei giovani nella vita sociale, istituzionale, culturale ed economica del Paese, prevenendo qualsiasi forma di esclusione sociale e comportamenti – sia individuali che di gruppo – devianti. Con le D.G.R. n.743 e n. 744 del 19.11.2021 la Regione Abruzzo, attraverso il Servizio competente ha recepito le due Intese e approvato le proposte progettuali “Abruzzo Giovani – Inclusione 2021” e “Abruzzo Giovani – occupabilità 2021” in linea con gli indirizzi sopra citati.
L’ECAD / Comune di Spoltore dell’ADS n. 16 Metropolitano, comprendente i Comuni di Brittoli – Cappelle sul Tavo – Catignano – Cepagatti – Città Sant’Angelo – Civitaquana – Elice – Moscufo – Nocciano – Pianella – Rosciano – Spoltore, ha presentato la propria candidatura per partecipare all’Avviso regionale e nello specifico per l’Intesa 45/CU del 5 maggio 2021 – Ambito di intervento OCCUPABILITA’.
La Regione Abruzzo ha comunicato l’ammissione al finanziamento del progetto “IM – PRENDO” presentato dall’ECAD / Comune di Spoltore.
Attraverso procedura ad evidenza pubblica di co-progettazione, la realizzazione del progetto è stata affidata all’OdF ECIPA ABRUZZO.
2. Obiettivo Generale
Accrescere l’occupabilità dei giovani favorendo lo sviluppo della vocazione d’impresa, soprattutto nell’ambito della promozione culturale e della valorizzazione del territorio.
3. Destinatari
Almeno n. 20 giovani 19/35 anni residenti in uno dei Comuni dell’ADS n. 16 Metropolitano. Verrà garantita la partecipazione di almeno un residente per ogni Comune dell’ADS. Una quota pari al 20% dei posti sarà riservata ai residenti in possesso di certificazioni di invalidità e/o disabilità ai sensi della normativa vigente in materia.
4. Attività
Il progetto si articolerà in 2 attività principali:
A. Pianificazione delle attività e creazione della rete territoriale
In questa fase ECIPA Abruzzo, in collaborazione con l’ECAD, si concentrerà sulla creazione della rete territoriale, che sarà composta dalle imprese disponibili a prendere parte alle attività.
B. Percorso innovazione
In questa fase verrà erogato un percorso formativo della durata di 40 ore in modalità blended. Tale percorso sarà rivolto a giovani maggiorenni (19/35 anni) che risiedono sul territorio afferente all’ADS n. 16 Metropolitano.
Il corso sarà articolato come segue:
➢ N.1 incontro plenario in presenza, che si terrà presso la sede di ECIPA Abruzzo a Pescara, della durata di 8 ore. Durante questo primo incontro verranno illustrati gli obiettivi del progetto e le modalità di articolazione delle attività. La giornata sarà quindi dedicata ad esplorare la “cultura d’impresa”; grazie al coinvolgimento della rete territoriale di cui al punto A, vi prenderanno parte giovani che hanno avviato attività imprenditoriali volte alla valorizzazione del territorio e che illustreranno il proprio percorso, condividendo altresì la loro esperienza concreta.
➢ Formazione specifica di 16 ore. Gli incontri – 4 della durata di 3 ore, 1 della durata di 4 ore – saranno tenuti on-line. In questa fase verranno esplorate le seguenti tematiche:
✓ La creazione d’impresa: analisi di mercato e principi di economia aziendale;
✓ Le risorse del territorio e l’accesso al credito: gli incentivi finanziari europei, nazionali e regionali;
✓ Fare impresa: gli adempimenti burocratici;
✓ Gli strumenti per l’impresa: il Business Plan come strumento strategico e il Business Model Canvas quale strumento di innovazione per l’impresa;
✓ I Fondi principali per la creazione d’impresa e la progettazione;
✓ L’importanza della comunicazione: il web marketing;
✓ La Carta Giovani Nazionale e la piattaforma web GIOVANI2030: promozione delle opportunità in favore delle giovani generazioni.
➢ Gruppi di lavoro della durata di 16 ore. Il gruppo di partecipanti verrà suddiviso in 4 sottogruppi operativi, che verranno suddivisi in altrettante aree tematiche. I gruppi di lavoro si incontreranno in presenza e ciascuno di loro, supportato e guidato da un tutor-facilitatore, sarà ospitato presso una municipalità dell’ADS. I 4 Comuni ospitanti saranno selezionati in forma partecipata in occasione della Fase 1 di Pianificazione, in seno al Tavolo di Lavoro. In funzione di quanto emergerà durante le attività formative, saranno individuate 4 macroaree tematiche e saranno selezionate imprese e start-up attive nelle predette aree. I partecipanti sceglieranno il gruppo di lavoro a cui partecipare in base alle proprie aspirazioni e inclinazioni. Ciascun gruppo di lavoro avrà l’obiettivo di sviluppare un’idea imprenditoriale innovativa e sostenibile, che parta dalle esigenze del territorio e ne valorizzi la ricchezza; inoltre, ciascun gruppo avrà l’obiettivo di simulare un progetto di creazione d’impresa, facendo ricorso agli strumenti operativi condivisi nella fase della formazione. Infine, ciascun partecipante avrà l’opportunità di visitare le imprese selezionate. Tale attività saranno funzionali allo sviluppo di competenze e idee utili alla realizzazione del progetto innovativo di gruppo (1 progetto per ciascuna area tematica) che verrà presentato in una specifica Call for Ideas.
➢ La Call for Ideas avrà per oggetto la stesura definitiva di un progetto di impresa corredato di un Business Plan e di una scheda progettuale. La proposta progettuale dovrà avere elementi di innovatività e presentare strumenti operativi capaci di realizzare un’attività imprenditoriale di tipo sostenibile con, ove possibile, elementi di circolarità. Le proposte progettuali presentate dai singoli gruppi saranno oggetto di valutazione da parte di un’apposita commissione, nonché dal vaglio delle imprese ospitanti che partecipano al progetto. La valutazione sarà realizzata su una griglia di merito predefinita ex-ante. La commissione di valutazione sarà composta dai rappresentanti della rete territoriale di cui al punto A. Il progetto vincitore verrà premiato con un Voucher di 30 ore di consulenza gratuita, funzionale all’avvio dell’impresa.
5. Modalità di partecipazione
I giovani che vorranno partecipare dovranno presentare la propria adesione utilizzando esclusivamente il modulo predisposto, debitamente compilato e sottoscritto (Allegato A).
Alla domanda dovranno essere allegati i seguenti documenti:
– copia del documento di identità in corso di validità;
– breve curriculum vitae.
Le domande, unitamente alla documentazione richiesta, dovranno pervenire per posta elettronica certificata all’indirizzo: protocollo@pec.comune.spoltore.pe.it riportando nell’oggetto la dicitura “DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL’AVVISO ABRUZZO GIOVANI 2021”.
Le domande dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12:00 del giorno 17 NOVEMBRE 2023.
6. Criteri di accesso e valutazione dell’ammissibilità
Possono presentare domanda di partecipazione i giovani in possesso dei seguenti requisiti:
a. residenza in uno dei Comuni dell’ADS n. 16 Metropolitano;
b. età compresa tra i 19 ed i 35 anni.
L’ammissibilità dei possessori dei requisiti verrà stabilita unicamente in base alla data di arrivo della domanda.
L’Ufficio preposto, dopo aver completato l’istruttoria delle istanze pervenute, provvederà all’individuazione dei soggetti che hanno i requisiti per partecipare all’iniziativa, dandone specifica comunicazione alla mail indicata nella domanda di partecipazione entro il 23/11/2023. La comunicazione indicherà anche la data e il luogo del primo incontro in plenaria.
7. Cronoprogramma delle attività
Le attività progettuali prenderanno avvio entro la prima decade di dicembre 2023 e termineranno entro il mese di aprile 2024, in base ad un calendario condiviso con i partecipanti durante il primo incontro in plenaria.
8. Trattamento dei dati personali
Il trattamento dei dati personali verrà effettuato in conformità con il Regolamento generale sulla protezione dei dati personali del Comune di Spoltore e con la normativa nazionale e comunitaria vigente; esso verrà effettuato esclusivamente per le finalità previste dalla normativa vigente in materia di servizi comunali alla persona, con paerticolare riferimento all’organizzazione del Progetto “Abruzzo Giovani 2021”. Il conferimento dei dati è obbligatorio per accedere al servizio e l’eventuale rifiuto al trattamento comporterà il venir meno della possibilità di beneficiarne. Il beneficiario del servizio potrà esercitare in ogni momento i suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento e del Responsabile esterno indicato, contattando il Responsabile della Protezione dati del Comune all’indirizzo e-mail rpd@comune.spoltore.pe.it. Prima di sottoscrivere il modulo di domanda si invita a prendere
visione dell’informativa completa sul trattamento che, per quanto concerne il titolare, è reperibile sul sito web del Comune di Spoltore all’indirizzo www.comune.spoltore.pe.it
9. Informazioni e chiarimenti
Per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero 085 4964213.
Il presente Avviso ed il modello di domanda saranno pubblicati sull’Albo Pretorio on-line e sul sito istituzionale del Comune di Spoltore. Inoltre, saranno pubblicati sui siti istituzionali dei Comuni afferenti all’ADS n. 16 Metropolitano.
Spoltore, lì 31.10.2023

 

modello di domanda

Avviso pubblico Abruzzo Giovani

 

 

 

Contributi a rimborso parziale dei canoni di locazione pagati nell’anno 2022

AVVISO PUBBLICO

 

IL RESPONSABILE DEI SERVIZI SOCIALI

 

VISTO l’art. 11 della Legge 09.12.1998, n. 431 che:

1) istituisce, presso il Ministero dei Lavori Pubblici, un fondo nazionale per il sostegno al pagamento dei canoni di locazione a favore dei conduttori di immobili ad uso abitativo in possesso dei requisiti fissati con Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 07.06.1999;

2) disciplina la concessione dei contributi integrativi per il pagamento dei canoni di locazione, da effettuarsi sulla base di apposita graduatoria comunale ed in relazione alla sussistenza dei seguenti requisiti riferiti al nucleo familiare del richiedente:

  • residenza nel Comune;
  • reddito annuo imponibile complessivo:
    1. non superiore a due pensioni minime INPS anno 2022 (pari ad € 13.659,88), rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione risulti non inferiore al 14%;
    2. non superiore ad € 15.853,63, rispetto al quale   l’incidenza del    canone   di   locazione risulti non inferiore al 24%;

 

VISTO l’art.1 del Decreto sopra menzionato, il quale stabilisce che, per l’accertamento dei requisiti minimi di cui alle lettere a) e b) del comma 1, l’ammontare dei redditi da assumere a riferimento è quello risultante dall’ultima dichiarazione dei redditi ed il valore dei canoni è quello risultante dai contratti di locazione regolarmente registrati, al netto degli oneri accessori. Ai fini verifica della situazione economica e patrimoniale del nucleo familiare deve essere resa apposita dichiarazione ai sensi del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 109.

 

PRESO ATTO che

  • per indicatore del reddito e del reddito annuo convenzionale, a seguito di evoluzione normativa nel settore fiscale, si prendono in considerazione l’Indicatore della Situazione Economica ISE e l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente ISEE;
  • i limiti di reddito sono i seguenti:

Fascia A: reddito annuo imponibile complessivo del nucleo familiare (ISE), rapportato ai mesi di pagamento del canone, non superiore a due pensioni minime INPS anno 2022 (€ 13.659,88) rispetto al quale l’incidenza del canone sul reddito non sia inferiore al 14% e non può, in ogni caso, essere superiore a € 3.100,00.

Fascia B: reddito annuo convenzionale complessivo (ISEE) non superiore a € 15.853,63. Il reddito convenzionale (€ 15.853,63) è utile solo al fine di stabilire il requisito per accedere ai contributi, mentre ai fini dell’incidenza canone/reddito deve farsi riferimento all’ISE che non deve essere superiore ad € 18.000,00 e rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione risulti non inferiore al 24% e non può, in ogni caso, essere superiore a € 2.325,00.

Inoltre se in presenza di un solo reddito derivante da lavoro dipendente o pensione oppure nei casi previsti dal comma 4 dell’art. 2 del D.M. 7.6.1999 (Per i nuclei familiari che includono ultrasessantacinquenni, disabili o per altre analoghe situazioni di particolare debolezza sociale, il contributo da assegnare può essere incrementato fino ad un massimo del 25 per cento o, in alternativa, in relazione al possesso dei requisiti per beneficiare dei contributi, i limiti di reddito indicati alle lettere a) e b) del comma 1 dell’art. 1 possono essere innalzati fino ad un massimo del 25 per cento” ) l’ISEE viene ridotto automaticamente dal foglio di calcolo regionale del 25% e comunque non superiore a € 15.583,63 €. Le due condizioni non sono cumulabili.

Nel caso di reddito “zero” o inferiore al canone di locazione occorre certificazione dei Servizi Sociali attestante l’assistenza economica da parte dell’Ente o, in alternativa, un’autocertificazione circa la fonte di sostentamento (con l’indicazione dei dati anagrafici e copia del documento di chi fornisce il sostegno economico).

  • il D.M. n.218 del 07.2022 stabilisce che i contributi concessi non sono cumulabili con la quota destinata all’affitto del reddito di cittadinanza. Lo stesso decreto conferma l’ampliamento dei beneficiari del Fondo (art.1 comma 6 del D.M. 13.07.2022, n.218) anche ai soggetti che hanno avuto una riduzione del reddito causa COVID-19 superiore al 25% e in possesso di un ISEE non superiore a 35.000 €. La riduzione del reddito può essere certificata o attraverso l’ISEE CORRENTE oppure, da un’autocertificazione nella quale dichiarino di aver subito, in ragione dell’emergenza COVID – 19, una perdita del proprio reddito IRPEF superiore al 25% o in alternativa dal confronto tra le dichiarazioni fiscali 2022/2021. Tale riduzione deve essere superiore al 25% e nell’annualità 2022, rispetto all’analogo periodo del 2021; il contributo massimo concedibile è di € 3.100,00.

 

PREMESSO che ai fini di stabilire il requisito per accedere ai contributi è utilizzato il reddito convenzionale (pari ad € 15.853,63), mentre ai fini dell’incidenza canone/reddito deve farsi riferimento al reddito imponibile.

 

RENDE NOTO CHE

 

Tutti gli interessati, residenti nel Comune di Città Sant’Angelo ed in possesso dei requisiti minimi sopra indicati, possono avanzare idonea richiesta al fine di beneficiare dei contributi integrativi previsti per il pagamento dei canoni di locazione, per il tramite delle risorse assegnate alla Regione Abruzzo dal fondo nazionale.

Le domande, da compilarsi su apposito modello disponibile presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune, dovranno pervenire all’Ufficio Protocollo dell’Ente entro e non oltre il 06 novembre 2023, ore 12,30, dovendo gli   uffici competenti predisporre i necessari adempimenti istruttori per la trasmissione dei dati alla Regione Abruzzo.

 

AVVERTENZA: In relazione alle domande incomplete, si richiederà la integrazione nel termine di gg. 2, all’indirizzo e-mail indicato nella domanda di contributo; decorso inutilmente il termine di gg.2 dalla richiesta, l’istanza verrà esclusa dal procedimento.

 

Alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione:

  • attestazione ISEE e DSU in corso di validità;
  • dichiarazioni dei redditi di ciascuno dei componenti il nucleo familiare relative al 2021, al 2022 ed al 2023;
  • certificazione comprovante la situazione di handicap (o invalidità superiore al 66%) di componente del nucleo familiare del richiedente rilasciata dall’Azienda U.S.L.;
  • copia del/i contratto/i di locazione regolarmente registrato/i, con i dati riferiti alla registrazione ed al canone corrisposto al/i locatore/i nell’anno 2022;
  • documentazione attestante lo sfratto esecutivo (se ricorre il caso);
  • copia di documento di riconoscimento e titolo di soggiorno valido (quest’ultimo per cittadini di Stato non UE);
  • autocertificazione attestante la residenza da almeno dieci anni nel territorio nazionale ovvero cinque nella medesima Regione (per gli immigrati), come previsto dall’art.11, co.13, L. 06.08.2008, n.133.

 

Città Sant’Angelo, lì 05.10.2023.

 

Il Responsabile dei Servizi Sociali

(Dott. Antonino D’Arcangelo)

 

MODULO_AVVISO_affitti_2023_per_canoni_2022

MODULO_AVVISO_affitti_2023_per_canoni_2022