SERVIZIO SCUOLABUS 2020/2021: APERTE LE ISCRIZIONI

SERVIZIO SCUOLABUS 2020/2021:
SONO APERTE LE ISCRIZIONI

Da quando è possibile iscriversi al servizio trasporto scolastico e fino a che data?
Dal 21 luglio 2020 al 28 agosto 2020, per avere la garanzia del posto; le domande pervenute dopo il 28 agosto 2020 vengono accolte lo stesso ma il posto non è garantito e la fruizione del servizio non è immediata.

Come ci si iscrive?
Si viene contattati dall’ufficio oppure si contatta l’ufficio e si prenota un appuntamento.

In che orari è aperto l’ufficio?
Vista la ristrettezza dei tempi e la necessità di non creare assembramenti viene garantito temporaneamente un orario di apertura ampio, esteso e flessibile. Sarà ad esempio possibile prenotare un appuntamento dalle 06:45 del mattino sino al pomeriggio.

Dove si trova l’ufficio?
All’interno del Municipio di Città Sant’Angelo, Centro Storico, Piazza IV Novembre 1, primo piano, corridoio sinistro, ultima stanza a sinistra.

Chi deve fare l’iscrizione?
Tutti gli interessati. Aver utilizzato il servizio nell’anno scolastico precedente non comporta un rinnovo automatico oppure un diritto di precedenza.

Chi può fare l’iscrizione?
Tutti coloro che sono in regola con i pagamenti per gli anni precedenti.
Quali documenti bisogna portare con sé presso l’ufficio al momento dell’iscrizione?

  • copia del proprio documento d’identità
  • tessera sanitaria-codice fiscale, meglio se in originale, proprio, dell’altro genitore e dei minori che utilizzeranno il servizio
  • certificato ISEE per prestazioni rivolte a minorenni, c.d. “ISEE Minorenni”, valido
  • IBAN ove si desidera essere rimborsati in caso di sospensione del servizio per nuova eventuale emergenza covid 19
  • nominativi e recapiti telefonici delle persone maggiorenni che si vuole delegare a ritirare i minori alla fermata dello scuolabus.

Quali sono le scadenze di pagamento?
Almeno il 50% della tariffa dovrà pervenire sul conto della FCCSA SRL entro il 31 agosto 2020; il 30% dovrà pervenire entro il 31 ottobre 2020 ed il 20% entro il 31 dicembre 2020.

Se il pagamento di almeno il 50% non perviene alla FCCSA SRL entro il 31 agosto 2020 cosa accade?
Chi non avrà saldato almeno il 50% della tariffa non potrà fruire del servizio sino a quando il pagamento non perverrà. Se il pagamento non perverrà entro il 20 settembre il posto potrebbe essere assegnato ad altro utente, fermo restando quanto previsto dal Regolamento comunale sul Servizio Trasporto Scolastico in tema di disdetta.

Bisogna consegnare il certificato ISEE al momento dell’iscrizione?
Preferibilmente si. Se non si consegna il certificato ISEE al momento dell’iscrizione viene applicata direttamente la tariffa massima e si è tenuti al pagamento di almeno il 50% della tariffa massima per poter utilizzare il servizio. Se poi entro il 30 settembre viene consegnato un certificato ISEE valido ed in base ad esso si ha diritto ad una tariffa più bassa l’eventuale differenza sul saldo totale a credito dell’utente verrà rimborsata a mezzo bonifico bancario.

Ho pagato in ritardo. Cosa avviene?
Non potrà fruire del servizio sino all’avvenuto accredito della somma da Lei dovuta sul conto corrente della Società ed al successivo aggiornamento dell’elenco utenti in regola. L’accredito avviene generalmente entro quattro giorni dal pagamento. Si rinnova l’invito alla puntualità del pagamento.

Perché questa gestione più rigida dei pagamenti e dei certificati ISEE?
Per garantire il servizio a chi davvero ne ha diritto.

Ho pagato ma non posso fruire affatto del servizio perché per via dell’emergenza covid 19 ne sono stato escluso per mancanza di posti disponibili. Mi rimborsate?
Si, integralmente ed a mezzo bonifico bancario.

Se ci sarà una nuova chiusura delle scuole per l’emergenza covid 19 sarò rimborsato per i periodi di servizio non utilizzati?
Si, in proporzione al periodo di servizio non fruito ed a mezzo bonifico bancario.

Gli orari sono dello scuolabus sono gli stessi dell’anno scorso? La fermata è la stessa?
Gli orari possono variare tutti gli anni. Li comunicheremo prima dell’avvio del servizio, come facciamo tutti gli anni. Le fermate possono variare tutti gli anni. Le comunicheremo prima dell’avvio del servizio, come facciamo tutti gli anni. Le fermate sono scelte avendo quale primo criterio la sicurezza.

Perché gli orari e le fermate cambiano tutti gli anni?
Il nostro servizio non è un servizio “di linea”, come quello dell’autobus che va a Pescara. Il servizio è “a noleggio”: in base ai passeggeri viene preparato un itinerario che ha come punti cardine la sicurezza, l’economicità, la rapidità e l’equità.

Mio figlio frequenta la scuola primaria/la scuola d’infanzia: devo essere presente alla fermata?
Si, devono essere presenti o un esercente la potestà sul minore o un suo delegato maggiorenne. Bisogna essere presenti sia all’andata a scuola che al ritorno da scuola. Se non è presente un adulto il minore viene consegnato alla Polizia Municipale.

Ho fatto tardi ad arrivare alla fermata: cosa succede?
Le viene comunicato un orario di arrivo del mezzo alla fermata per permetterle di essere presente con anticipo alla fermata stessa: è il passeggero che attende l’autobus, non il contrario. Il mezzo transiterà indicativamente all’orario indicato, tenendo conto però che trattasi di un servizio effettuato su strada e che quindi risente di notevoli perturbazioni. Se non è presente alla fermata il mezzo continuerà il suo percorso senza attendere il Suo
arrivo. La puntualità alla fermata garantisce un arrivo a scuola regolare a tutti.

Come delego un maggiorenne ad accompagnare mio figlio?
Via email, via PEC, via Fax, presso l’ufficio oppure con il modulo da consegnare all’autista. Mai via telefono.

Mi posso affacciare dal balcone o dal recinto invece di essere presente alla fermata quando arriva lo scuolabus?
No.

Potreste avvisarmi con una chiamata, con un messaggio o con il clacson che il pulmino è in arrivo?
No.

Gli alunni della primaria vengono accompagnati dallo scuolabus all’ingresso a scuola e viceversa?
Si.

Gli alunni della secondaria di primo grado come utilizzano il servizio?
Gli alunni utilizzano il servizio in maniera autonoma e simile a quella prevista per gli autobus di linea. Possono attendere lo scuolabus da soli alla fermata e vengono fatti scendere dallo scuolabus al ritorno anche se non sono presi in custodia da un adulto delegato. Lo stesso avviene all’arrivo dello scuolabus a scuola ed alla sua successiva ripartenza all’uscita. Gli alunni sostanzialmente fruiscono del servizio nella stessa maniera in cui un adulto utilizza un autobus di linea.

Sullo scuolabus è consentito utilizzare telefonini oppure altri apparecchi dotati di macchina fotografica, videocamera oppure registratore di suoni?
No. Questo per evitare che vengano effettuate riprese audio/video a bordo. Le riprese audio-video e le foto sono tassativamente vietate al fine di prevenire fenomeni di bullismo e violazioni del diritto alla riservatezza. Sono disponibili sul mercato telefoni sprovvisti di tali apparati.

Alcune volte durante l’anno ho l’esigenza che mio figlio venga fatto salire o scendere presso un altro indirizzo. È possibile?
Il cambio di fermata è possibile solo se non comporta il cambio di itinerario cui l’alunno è stato assegnato. È tassativamente escluso il cambio episodico da un itinerario all’altro.

Emettere fattura? Come la inviate? È detraibile nella dichiarazione dei redditi?
Emettiamo fattura, la può scaricare nell’area “le mie fatture” del portale dell’Agenzia delle Entrate, accessibile via Pc ed applicazione per telefonico con Spid, Carta Nazionale dei Servizi, Carta d’identità elettronica. Non verranno effettuati più invii di copie di cortesia delle fatture in formato cartaceo oppure in PDF. Per la detraibilità della spesa si invita la clientela a verificare con cura tale possibilità al fine di evitare errori nella dichiarazione dei
redditi o peggio dichiarazioni infedeli poiché il servizio offerto da FCCSA SRL non è né una spesa per istruzione né un abbonamento del trasporto pubblico locale.

 

 

 

 

 

PER INFORMAZIONI CI POTETE CONTATTARE:
– via telefono: 085.957.05
– via email/Hangouts all’indirizzo: fccsa.trasporto@gmail.com
– via Skype: scuolabus.csa
– tramite il canale Telegram: https://t.me/pulmy
– sulla propria pagina Facebook: https://www.facebook.com/scuolabus

PREMIO NAZIONALE SCRIVEREDONNA 2020 – BANDO

L’Associazione Culturale Tracce di Pescara, in coerenza con le attività svolte, intende incorag­giare e valorizzare la scrittura femminile.
 
1) Istituisce allo scopo un premio annuale per la Poesia inedita in lingua italiana riservato alle donne.
 
2) Le opere, consistenti in raccolte di poesia, non dovranno superare le 60 cartelle e non dovranno essere inferiori alle 30 cartelle.
 
3) Le opere dovranno pervenire per email entro e non oltre il 31 Agosto 2020 alla Segreteria del Premio Nazionale “Scriveredonna”: premionazionalescriveredonna@gmail.com
 
4) Il Primo foglio di ogni fascicolo dovrà portare la dicitura “Premio Letterario Nazionale Scrive­redonna 2020”, ed indicare le generalità: indiriz­zo, numero telefonico, dati anagrafici di nascita ed e-mail dell’autrice.
Inoltre ogni autrice deve sottoscrivere la dichia­razione che le poesie partecipanti al concorso sono state composte dall’Autrice e sono di sua proprietà.
 
5) L’attribuzione del Premio è disciplinata come segue.
La giuria, composta da Ubaldo Giacomucci, Anna Maria Giancarli, Nicoletta Di Gregorio, sceglierà le prime tre opere che, a suo insindaca­bile giudizio, riterrà più valide.
Il Primo Premio consisterà nella pubblicazione in volume dell’opera vincitrice a cura delle Edi­zioni Tracce.
Alle prime tre classificate e alle finaliste verran­no date targhe e riconoscimenti personalizzati, e donate alcune opere di una artista. Potranno esserci ulteriori premi e segnalazioni, a discrezione della Giuria e della organizzazione
 
6) La premiazione avverrà il 27 novembre 2020 alle ore 17,15 a Pescara presso una struttura da definire.
Alla cerimonia dovranno presenziare le vincitri­ci; in casi eccezionali potranno essere sostituite da persone da loro designate.
 
7) L’esito del concorso verrà reso noto tramite i mezzi d’informazione.
 
8) I testi e i file inviati non verranno restituiti. Solo ai fini della pubblicazione in volume o in antologia ogni autrice con la partecipazione al Concorso concede pro bono pubblico i diritti non esclusivi di pubblicazione dei testi partecipanti.
 
9) La partecipazione al Premio è gratuita.
 
10) La partecipazione al Premio implica l’ac­cettazione del presente regolamento, e qualsiasi inosservanza è motivo di esclusione dal Concorso.
 
Per informazioni: edizionitracce@gmail.com

Photo by Ana Tavares on Unsplash

RIATTIVAZIONE DEL MERCATO SETTIMANALE DEL MERCOLEDI’ NEL CENTRO STORICO A PARTIRE DALL’8 LUGLIO 2020

Ordinanza N. 58 del 06/07/2020

1) la riapertura del mercato settimanale del mercoledì nel Centro Storico agli imprenditori agricoli, agli operatori del settore alimentare e non alimentare, da mercoledì 8 luglio 2020, dalle ore 8:00 alle ore 13:00, nel rispetto delle misure di contenimento epidemiologico e di quanto previsto nelle ordinanze del Presidente della Regione Abruzzo n. 56, 59, 62 e 70, che impongono una separazione dei settori alimentare e non alimentare, nelle seguenti vie:
• Viale Porta Sant’Angelo;
• Corso Vittorio Emanuele;
• Via del Teatro;
• Piazza Garibaldi;
• Via Diaz e Piazza IV novembre;

2) che le aree destinate al mercato sopra specificate, siano prive di veicoli dalle ore 7:00 alle ore 14:00 nella giornata del mercoledì;

3) allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus SARS-COv2 si dovranno applicare le seguenti prescrizioni e misure specifiche:
– l’accesso alle attività commerciali al dettaglio, al fine di limitare al massimo la concentrazione di persone, è consentito ad un solo componente per nucleo familiare, fatta eccezione per la necessità di recare con sé minori, disabili o anziani;
– gli addetti alle vendite e gli acquirenti hanno obbligo di transitare nelle aree mercatali con guanti e mascherine a copertura di naso e bocca;
– per ogni postazione di vendita la capienza massima di persone non può essere superiore a n. 2 (due) acquirenti;
– per ogni postazione di vendita non possono essere presenti più di due operatori;
– sia all’interno dell’area di mercato che per i clienti in attesa di accesso all’area mercatale, deve essere rispettato il distanziamento interpersonale di almeno un metro;
– i singoli operatori di mercato devono rispettare un distanziamento di almeno due metri e mezzo tra le attrezzature di vendita e delimitare di 1 metro l’area di vendita dall’utenza;
– è vietata la somministrazione ed il consumo dei generi alimentari sul posto, nell’area mercatale e nelle immediate vicinanze;
– al momento della chiusura del mercato, tutti gli operatori sono obbligati a ripulire la propria area di vendita da tutto il materiale di risulta generato durante lo svolgimento del mercato;
– i clienti non possono toccare la merce esposta consegnati direttamente dagli addetti alla vendita;
– la vendita dei prodotti alimentari è consentita esclusivamente da asporto;
– gli operatori economici saranno ritenuti responsabili per il mancato rispetto delle indicazioni previste, pena in caso di verifica e controllo la sospensione immediata dell’attività in corso.

Guarda l’Ordinanza completa 👉 AttoPubblicato_2020_12_58

Don’t let your guard down!

🇬🇧 For a village like Città Sant’Angelo, tourism is of vital importance. For this reason, we accept the request of the Ministry of Health and we invite EVERYONE not to lower their guard at this time. Come and visit Città Sant’Angelo but in complete safety.

To travellers entering Italy

Don’t let your guard down!

Even if we are back travelling, let’s not forget that Covid-19 is still with us.

On the website of the Ministry of Health you can find all the useful information and operational indications on the measures that must be respected in Italy for the protection of all.

Go to 👉 www.salute.gov.it/travellers

_____

🇮🇹 Per un borgo come Città Sant’Angelo, il turismo è di vitale importanza. Per questo motivo, accogliamo la richiesta del Ministero della Salute e invitiamo TUTTI a non abbassare la guardia in questo momento. Venite a visitare Città Sant’Angelo ma in completa sicurezza.

Ai viaggiatori che entrano in Italia

Non abbassare la guardia!

Anche se torniamo in viaggio, non dimentichiamo che Covid-19 è ancora con noi.

Sul sito web del Ministero della salute puoi trovare tutte le informazioni utili e indicazioni operative sulle misure che devono essere rispettate in Italia per la protezione di tutti.

Vai su 👉 www.salute.gov.it/travellers

 

Segnaletica commercianti centro storico – Richiesta adesioni

La nostra Amministrazione vuole posizionare nella zona del parcheggio “A. Berarducci” una segnaletica adeguata per promuovere e valorizzare, all’interno del centro storico, la presenza di: negozi, laboratori, pubblici esercizi.

Questo permetterà a chi arriva di orientarsi meglio e alle attività presenti di acquisire una maggiore visibilità.

Abbiamo quindi bisogno di capire gli spazi da riservare a quanti di Voi volessero essere presenti su questa “segnalazione” e di avere un riscontro da ognuno sulla volontà di aderire all’iniziativa.

Il costo della struttura verrà sostenuto dal Comune, chi utilizzerà lo spazio visibilità che metteremo a disposizione sarà soggetto unicamente al pagamento dell’imposta sulla pubblicità che può essere stimata in 25 euro annui.

Invito chi vuol aderire a inviare una mail di adesione ai seguenti indirizzi:
alessia.gabriele@comune.cittasantangelo.pe.it
commercio@comune.cittasantangelo.pe.it

Marcello Di Gregorio

Calendario disinfestazioni antilarvali, adulticide e derattizzazioni 2020

Calendario disinfestazioni antilarvali, adulticide e derattizzazioni 2020:

Maggio

  • 29/05/2020 – Antilarvale / Derattizzazione

Giugno

  • 10/06/2020 – Adulticida*
  • 24/06/2020 – Antilarvale / Adulticida*
  • 29/06/2020 – Derattizzazione

Luglio

  • 06/07/2020 – Antilarvale / Adulticida*
  • 16/07/2020 – Antilarvale / Adulticida*
  • 27/07/2020 – Derattizzazione
  • 28/07/2020 – Antilarvale / Adulticida*

Agosto

  • 04/08/2020 – Antilarvale / Adulticida*
  • 24/08/2020 – Derattizzazione
  • 25/08/2020 – Antilarvale / Adulticida*

Settembre

  • 02/09/2020 – Antilarvale / Adulticida*
  • 21/09/2020 – Derattizzazione

Ottobre

  • 19/10/2020 – Derattizzazione

Novembre

  • 23/11/2020 – Derattizzazione

Dicembre

  • 14/12/2020 – Derattizzazione

Gennaio 2021

  • 25/01/2021 – Derattizzazione

 

* Le disinfestazioni adulticide si svolgeranno a partire dalle 23:30 fino alle ore 6:00 su tutto il territorio di Città Sant’Angelo.

⚠️ Durante le disinfestazioni adulticide si invitano i cittadini a:
• Tenere chiuse le finestre.
• Tenere gli animali domestici nelle rispettive abitazioni.
• Non sostare in ambienti aperti durante e dopo il trattamento per almeno 2 ore.
• Evitare di stendere la biancheria.
• Evitare il consumo di frutta e verdura senza il dovuto lavaggio nelle 24 ore successive al trattamento.

🌧 In caso di pioggia il trattamento sarà rimandato in data da destinarsi, seguirà relativa comunicazione.

 

Le operazioni sono svolte dall’azienda:
Attilio Zuccarini Igiene Ambientale
Via dei Celestini, 30 – 64013 Corropoli (TE)
Tel. 0861/856547 Fax 0861/586220 Cell. 340/0787420
Azienda certificata UNI ES ISO 9001:2008
ed UNI ES ISO 14001: 2004 SA 8000:2008 EN 16636:2015
attiliozuccarini@tiscali.itwww.disinfestazione-teramo.it

(FAQ) Risposte alle domande frequenti sull’obbligo d’uso di mascherine e guanti negli esercizi commerciali

Ordinanza Sindacale n. 35 del 18/05/2020 – Obbligo dell’uso dei D.P.I. negli esercizi commerciali.

Domanda: L’uso delle mascherine di protezione è obbligatorio in tutti gli esercizi commerciali siano essi di vendita che di somministrazione?
Risposta: Sì, l’uso della mascherina è obbligatorio in tutti gli esercizi commerciali sia di vendita che di somministrazione.

Domanda: L’uso dei guanti di protezione è obbligatorio in tutti gli esercizi commerciali siano essi di vendita che di somministrazione?
Risposta: L’uso dei guanti di protezione è obbligatorio all’interno degli esercizi di qualsiasi genere, tranne nel caso in cui all’ingresso dell’esercizio sia disponibile del gel igienizzante. In tal caso si potrà accedere ai locali con i guanti oppure disinfettando le mani prima dell’ingresso.

Domanda: L’uso dei guanti di protezione è obbligatorio per gli addetti in tutti gli esercizi commerciali siano essi di vendita che di somministrazione?
Risposta: Sì, l’uso dei guanti di protezione è obbligatorio per ogni addetto in tutti gli esercizi commerciali sia di vendita che di somministrazione.

Sintesi delle disposizioni per la riapertura di specifiche attività dal 18 maggio 2020

Sintesi delle disposizioni per la riapertura di specifiche attività dal 18 maggio 2020 (Ordinanza n. 59 – Regione Abruzzo)

🍽 RISTORANTI, PIZZERIE, TRATTORIE, AGRITURISMI

✅ si deve prevedere, ove possibile, una separazione degli accessi di entrata e di uscita;

✅ deve essere previsto obbligatoriamente il sistema di prenotazione telefonica e digitale;

✅ ci si deve dotare direttamente i tavoli dei condimenti necessari (salse, condimenti etc., in confezioni monodose);

✅ all’ingresso devono essere posizionati dispenser con gel igienizzanti per la pulizia delle mani dei clienti;

✅ non è disponibile l’uso del guardaroba;

✅ l’accesso ai servizi igienici, dotati di prodotti igienizzanti, deve avvenire evitando assembramenti pertanto è necessario limitare la presenza di più persone;

✅ si consiglia l’adozione di menu digitali su dispositivi dei clienti od, in alternativa, si deve procedere alla igienizzazione dei menu dopo ogni uso;

✅ il personale di sala deve essere dotato di dispositivi di protezione individuale (mascherine o altri dispositivi idonei) e mantiene, nei limiti del possibile, la distanza interpersonale di un metro;

✅ gli oggetti utilizzati per un servizio (cestino del pane, prodotti per il condimento, zuccheriera monodose, etc.) non possono essere messi a disposizione di nuovi clienti senza adeguata igienizzazione. È, altresì, possibile che l’esercente adotti soluzioni alternative quali prodotti monouso, etc.;

✅ distanziamento tra i tavoli non inferiore a un metro; 

✅ si favoriscono sistemi digitali di pagamento direttamente dal tavolo;

✅ piatti, bicchieri, posate e simili devono essere lavati in lavastoviglie a temperatura adeguata, in modo che possano essere disinfettati, inclusi gli oggetti che non sono stati utilizzati dai clienti in quanto potrebbero essere entrati in contatto con le mani degli stessi.

✅ ciascun tavolo è servito possibilmente dallo stesso addetto (o più addetti secondo il n. di clienti al tavolo) per la durata dell’intero servizio. Se lo stesso operatore svolge frequentemente in tempi diversi tutte le operazioni, spostandosi continuamente fra diverse postazioni di lavoro, si favorisce la diffusione di eventuali agenti patogeni con possibilità di contaminazioni. Pertanto, l’igiene, l’educazione del personale ed il controllo della contaminazione crociata sono tra i fattori più importanti nel condizionare la salubrità sia delle produzioni che degli ambienti di lavoro.

✅ Il personale di cucina, in condivisione di spazi confinati, deve indossare la mascherina e utilizzati guanti in nitrile ove possibile. 

✅ Previste misure anche per i servizi di catering o a buffet: ad esempio favorire il servizio di take-away (il cameriere compone un box, coffe box e lunch-box con la scelta del cliente) per il consumo in apposta area attrezzata; prevedere buffet, prima del consumo, protetti da schermi o teli trasparenti. 

✅ Le attività di svago e di animazione sono sospese o riorganizzate e previste in piccoli gruppi, privilegiando aree all’aperto.

ℹ️ Per maggiori dettagli consultare l’ordinanza e i relativi allegati 👉 Ordinanza n. 59

 

🍺 BAR, PUB, ENOTECHE, BIRRERIE, PASTICCERIE, GELATERIE

✅ si devono adottare sistemi di contingentamento degli ingressi volti a evitare assembramenti;

✅ si devono disporre, ove possibile, la separazione degli accessi di entrata e di uscita;

✅ all’ingresso devono essere posizionati dispenser con gel igienizzanti per la pulizia delle mani dei clienti;

✅ l’ingresso nei locali è consentito solo indossando la mascherina; 

✅ il servizio al banco deve assicurare il distanziamento interpersonale di un metro;

✅ davanti al banco e alla cassa deve essere posizionata idonea segnaletica orizzontale per favorire il distanziamento interpersonale;

✅ deve essere adottato un modello di servizio che favorisce la riduzione degli spostamenti della clientela all’interno dell’esercizio;

✅ l’accesso ai servizi igienici, dotati di prodotti igienizzanti, deve avvenire evitando assembramenti;

✅ il personale è dotato di dispositivi di protezione individuale (mascherine) e mantiene, nei limiti del possibile, la distanza interpersonale di un metro;

✅ sul banco è bene favorire la messa a disposizione di prodotti monouso;

✅ si favoriscono sistemi digitali di pagamento;

✅ si devono predisporre barriere fisiche (ad esempio, barriere in plexiglas) nelle zone dove vi è una maggiore interazione con il pubblico (ad esempio, in prossimità dei registratori di cassa);

✅ si incentiva l’uso del take away e del delivery;

✅ piatti, bicchieri, posate e simili devono essere lavati in lavastoviglie a temperatura adeguata, in modo che possano essere disinfettati, inclusi gli oggetti che non sono stati utilizzati dai clienti in quanto potrebbero essere entrati in contatto con le mani degli stessi;

✅ Per assicurare un microclima idoneo è necessario evitare correnti d’aria o freddo/caldo eccessivo durante il ricambio dell’aria; eliminare la funzione di ricircolo dell’aria condizionata per evitare l’eventuale trasporto di agenti patogeni (come batteri, virus) in tutti i locali di produzione, commercializzazione e somministrazione degli alimenti. 

✅ Gli operatori del settore alimentare possono usare guanti idonei al contatto con gli alimenti, ma il loro utilizzo non può comunque sostituire il corretto lavaggio delle mani. 

✅ Sono vietate le degustazioni alimentari con esposizione di alimenti a libero servizio. 

✅ Rimane sospesa l’attività delle sale gioco, scommesse, bingo, anche qualora siano svolte all’interno di bar, pubblici esercizi e affini.

ℹ️ Per maggiori dettagli consultare l’ordinanza e i relativi allegati 👉 Ordinanza n. 59

 

🏖 STABILIMENTI BALNEARI

✅ individuazione di modalità di transito da e verso le postazioni/ombrelloni e stazionamento/movimento sulla battigia;

✅ le procedure da seguire in caso di pioggia o cattivo tempo per evitare l’assembramento degli utenti presenti nei locali dello stabilimento.

✅ la distanza minima tra le file degli ombrelloni è di 3,50 metri e fra gli ombrelloni della stessa fila è di 3,50 metri;

✅ l’area complessivamente destinata ad ogni ombrellone non può comunque essere inferiore a 12 mq possibilmente definita con sistemi di segnaletica a terra;

✅ in caso di superamento delle condizioni critiche epidemiologiche e successivamente ad eventuale specifico provvedimento di analogo tenore, è possibile l’inserimento di ulteriori ombrelloni a distanza minima di 2.30 metri nella stessa fila;

✅ le attrezzature complementari assegnate in dotazione all’ombrellone (quali, ad esempio, sdraio, seggiola, lettino etc.) possono essere fornite in quantità limitata atta a garantire il distanziamento con le attrezzature dell’ombrellone contiguo di almeno 1,50 metri;

✅ sotto gli ombrelloni, od altri sistemi di ombreggio, è fatto obbligo di osservare una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Tale obbligo è derogato per i soli membri del medesimo nucleo familiare, ovvero conviventi (potrà essere richiesta un’autocertificazione);

✅ i lettini posizionati singolarmente sulla spiaggia devono essere collocati orizzontalmente a distanza di almeno 2 metri l’uno dall’altro. Tale obbligo è derogato per i soli membri del medesimo nucleo familiare, ovvero conviventi (potrà essere richiesta un’autocertificazione).

🏖 SPIAGGE LIBERE

✅ valutate disposizioni volte a limitare lo stazionamento dei bagnanti sulla battigia per evitare assembramenti;

✅ essere preliminarmente mappato e tracciato il perimetro di ogni allestimento (ombrellone/sdraio/sedia), – ad esempio con posizionamento di nastri (evitando comunque occasione di pericolo) – che deve essere codificato, rispettando le regole previste per gli stabilimenti balneari, per permettere agli utenti un corretto posizionamento delle attrezzature proprie nel rispetto del distanziamento ed al fine di evitare l’aggregazione;

✅ essere definite turnazioni orarie, mediante la prenotazione degli spazi codificati, anche attraverso utilizzo di app/piattaforme on line. Al fine di favorire la prenotazione stessa può, altresì, essere valutata la possibilità di prenotare contestualmente anche il parcheggio, prevedendo anche tariffe agevolate, ove possibile.

✅ assicurate opportune misure di pulizia della spiaggia e di igienizzazione delle attrezzature comuni, come ad esempio i servizi igienici, se presenti;

✅ essere localmente definite puntualmente le modalità di accesso e di fruizione delle spiagge stesse, individuando quelle più idonee ed efficaci. Di seguito, si riportano alcune indicazioni più circostanziate, tenendo conto delle specifiche caratteristiche delle spiagge, della loro localizzazione, dei flussi dei frequentatori nei diversi periodi della stagione balneare.

Per l’utilizzo delle spiagge libere i Comuni devono garantire:

  l’adozione di misure di mitigazione del rischio analoghe a quelle previste per gli operatori/gestori degli stabilimenti, incluse, in particolare, la regolamentazione degli accessi per evitare assembramenti e garantire il distanziamento sociale;

✅ l’informativa e il rispetto delle misure di mitigazione di rischio da parte dei bagnanti;

✅ l’affissione nei punti di accesso – che dovranno essere puntualmente individuati – alle spiagge libere di cartelli in diverse lingue contenenti indicazioni chiare sui comportamenti da tenere, in particolare il distanziamento sociale di almeno un metro ed il divieto di assembramento;

✅ le procedure di pulizia e sanificazione delle eventuali attrezzature promiscue presenti, come i servizi igienici;

✅ il controllo del rispetto delle misure da parte dei fruitori delle spiagge.

ℹ️ Per maggiori dettagli consultare l’ordinanza e i relativi allegati 👉 Ordinanza n. 59

 

🛏 ALBERGHI, B&B, AGRITURISMI

✅ l’ospite ha la facoltà di chiedere che, durante il soggiorno, il personale addetto alle pulizie non faccia ingresso in camera. 

✅ vanno evitati assembramenti alla reception; 

✅ incentivare pagamenti cashlees e, ove possibile, check out on line;

✅ ogni qual volta sia possibile, è necessario evitare o limitare allo stretto necessario il contatto delle mani con gli oggetti degli ospiti (ad esempio: invitare gli ospiti a conservare la chiave per tutta la durata del soggiorno, visionare i documenti di identità senza toccarli, favorire pagamenti con sistemi contactless, etc.).

✅ le chiavi delle stanze devono essere pulite o sostituite ad ogni cambio dell’ospite. La pulizia deve interessare anche il portachiavi, se presente;

✅ l’utilizzo degli ascensori dev’essere tale da consentire il rispetto della distanza interpersonale; 

✅ la distanza può essere derogata in caso di persone che fanno parte dello stesso nucleo familiare o che condividono la camera;

✅ nel caso di partenza dell’ospite la stanza va sanificata;

✅ il servizio a buffet è vietato; 

✅ è consentita l’attività della ricettività extra alberghiera e dei bed & breakfast, il cui esercizio è sospeso, esclusivamente se rivolta a operatori della sanità o addetti allo svolgimento di attività connesse all’emergenza (le modalità di completa riapertura sono rinviate a un successivo provvedimento). 

ℹ️ Per maggiori dettagli consultare l’ordinanza e i relativi allegati 👉 Ordinanza n. 59

 

🛍 NEGOZI, CENTRI COMMERCIALI E OUTLET

✅ apposizione all’ingresso di dispenser di soluzioni liquide igienizzanti;

✅ i clienti possono essere sottoposti alla misura della temperatura corporea (attraverso scanner manuale o altre tecnologie predisposti dalla società di gestione) che dovrà risultare inferiore ai 37,5 gradi. In caso di temperatura superiore a quella normativamente prevista, non sarà permesso l’ingresso nella struttura commerciale e/o degli outlet;

✅ si deve fare filtro su ingressi autorizzati con conteggio dei flussi per garantire il distanziamento sociale e il numero di ingressi massimi autorizzati;

✅ obbligo per i clienti di indossare le mascherine per potere accedere all’interno del centro commerciale e/o degli outlet, pena il diniego di accesso;

✅ il personale deve mantenere la distanza di sicurezza ogni qualvolta la mansione lo consenta e utilizzare le mascherine; 

✅ rispettare il divieto di assembramento e mantenere le distanze di sicurezza (minimo un metro); 

✅ accessi regolamentati e scaglionati secondo le seguenti modalità: attraverso ampliamenti delle fasce orarie che possono essere prolungati fino alle ore 21:00; per locali fino a quaranta metri quadrati può accedere una persona alla volta, oltre a un massimo di due operatori; per locali di dimensioni superiori a quaranta metri quadrati l’accesso è regolamentato in funzione degli spazi disponibili, differenziando, ove possibile, i percorsi di entrata e di uscita;

✅ per quanto riguarda la prova dei vestiti, calzature e accessori, il cliente e l’addetto alle vendite procedano sempre a lavarsi le mani con sostanza idroalcolica disinfettante;

✅ Va predisposto il contingentamento delle cabine di prova, che devono essere sanificate frequentemente. Nel protocollo non si fa riferimento alla sanificazione degli abiti o delle calzature provati; 

✅ igienizzazione costante delle superfici più sottoposta a contatto (ad esempio, la pulsantiera dei macchinari per l’erogazione di bibite, o la lavatrice a gettoni, etc.);

✅ la sanificazione giornaliera dei locali;

✅ la sanificazione degli eventuali impianti di aerazione.

✅ Da domenica 24 maggio, salvo diverse disposizioni, tornano anche le aperture nei festivi. 

ℹ️ Per maggiori dettagli consultare l’ordinanza e i relativi allegati 👉 Ordinanza n. 59

 

💇‍♀️ PARRUCCHIERI, ESTETISTI, TATUATORI

✅ servizio dalle 8 alle 21, fino al sabato e su prenotazione on-line, telefonica o tramite app; 

✅ l’attività nei parrucchieri e nei centri estetici è riservata a coloro che sono legati da un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione (non rientrano in questa tipologia gli stagisti o i tirocinanti). 

ℹ️ Per maggiori dettagli consultare l’ordinanza e i relativi allegati 👉 Ordinanza n. 59

 

🥬 MERCATI, FIERE, COMMERCIO ITINERANTE

✅ Da lunedì possono essere messe in vendita tutte le merci oggetto di commercio. 

✅ Vietati gli assembramenti e per tutti c’è l’obbligo della mascherina. 

✅ La permanenza della clientela ai banchi di vendita (opportunamente distanziati) va contingentata.

✅ Nei casi di gravità e di coinvolgimento di molti operatori, il Comune può sospendere il mercato per un periodo concordato con i competenti uffici sanitari. 

ℹ️ Per maggiori dettagli consultare l’ordinanza e i relativi allegati 👉 Ordinanza n. 59

 

🚘 AUTOSCUOLE

✅ l’installazione di dispenser presso le sedi di lavoro, le aule ed i veicoli di soluzione idroalcolica

✅ sanificazione e l’igienizzazione, adeguate e frequenti, dei locali, delle postazioni lavorative, dei veicoli e delle imbarcazioni utilizzati per le esercitazioni pratiche;

✅ viaggiare ogni qualvolta possibile con i finestrini dell’abitacolo di veicolo ad uso condiviso completamente aperti;

✅ non utilizzare mai la funzione di ricircolo dell’aria;

✅ durante l’impiego dell’automezzo o dell’imbarcazione ad uso condiviso il conducente alla guida e gli eventuali passeggeri e/o membri dell’equipaggio (anche nella qualità di allievo, istruttore esaminatore) devono indossare: una mascherina o dispositivo di protezione individuale superiore; guanti monouso;

✅ non toccarsi mai naso, bocca e occhi quando ci si trova all’interno dell’autoveicolo o dell’imbarcazione ad uso condiviso e non prima di aver apportato le personali misure di igiene;

✅ lavarsi o igienizzarsi le mani prima di entrare nell’autoveicolo o nell’imbarcazione ad uso condiviso e subito dopo usciti;

✅ usare sempre guanti monouso durante le operazioni di rifornimento carburante eseguite autonomamente.

ℹ️ Per maggiori dettagli consultare l’ordinanza e i relativi allegati 👉 Ordinanza n. 59


🎸 ARTISTI E MUSICISTI

Artisti e musicisti possono riunirsi in luoghi chiusi al pubblico per effettuare le prove, rispettando il distanziamento e, ove possibile, utilizzando i dispositivi di protezione individuale. 


🏡 SECONDE CASE

Dalla prossima settimana e solamente per i residenti in Abruzzo è permesso raggiungere le seconde case di proprietà con possibilità di pernottare nel fine settimana (nelle notti tra venerdì e sabato e tra sabato e domenica).


❓Vai qui per le domande e risposte frequenti

Disposizioni per la riapertura di specifiche attività dal 18 maggio 2020 (Ordinanza n. 59 – Regione Abruzzo)

Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da virus COVID-19.

Disposizioni per la riapertura di specifiche attività a far data dal 18 maggio 2020. Ulteriori disposizioni e chiarimenti relativi all’Ordinanza n. 56 del 6 maggio 2020 della Regione Abruzzo

ORDINA

1. che, dal 18 maggio 2020, è consentita l’apertura delle attività di ristorazione esclusivamente su prenotazione, a condizione che vengano rispettate le condizioni di cui all’Allegato “Protocollo di sicurezza per l’esercizio delle attività di ristorazione” (cfr., Allegato 1), redatto tenuto di quanto indicato nel “Documento tecnico su ipotesi di rimodulazione delle misure contenitive del contagio da SARS-CoV-2 nel settore della ristorazione” presentato in data 12 maggio 2020 dall’INAIL e dall’Istituto Superiore di Sanità;


2. che, dal 18 maggio 2020, le attività di produzione, commercializzazione e somministrazione di alimenti sono tenute a rispettare le condizioni di cui all’Allegato “Protocollo di sicurezza per l’esercizio delle attività di produzione, commercializzazione e somministrazione di alimenti” (cfr., Allegato 2);


3. di precisare che coloro che somministrano alimenti sotto forma di ristorazione devono sottostare contemporaneamente oltre al Protocollo previsto nell’Allegato 1), anche le specifiche previsioni contenute nell’Allegato 2), ove compatibili con siffatta attività produttiva;


4. che, dal 18 maggio 2020, è consentita l’apertura delle attività ricreative di balneazione e in spiaggia, a condizione che rispettino le condizioni di cui all’allegato “Protocollo di sicurezza per l’esercizio delle attività ricreative di balneazione e in spiaggia” (cfr., Allegato 3), redatto tenuto conto di quanto indicato nel “Documento tecnico su ipotesi di rimodulazione delle misure contenitive del contagio da SARS-CoV-2 nel settore delle attività ricreative di balneazione e in spiaggia” presentato in data 12 maggio 2020 dall’INAIL e dall’Istituto Superiore di Sanità;


5. che, dal 18 maggio 2020, le strutture ricettive alberghiere sono tenute a rispettare le condizioni di cui all’allegato “Protocollo di sicurezza per l’esercizio delle attività ricettive alberghiere” (cfr., Allegato 4);


6. che, dal 18 maggio 2020, è consentita l’apertura delle strutture ricettive all’aria aperta, campeggi e villaggi turistici, a condizione che rispettino le condizioni di cui all’allegato “Protocollo di sicurezza per l’esercizio delle strutture ricettive all’aria aperta, campeggi e villaggi turistici” (cfr., Allegato 5);


7. di precisare che le strutture ricettive all’aria aperta, campeggi e villaggi turistici, nel somministrare gli alimenti anche sotto forma di ristorazione, devono sottostare al Protocollo previsto nell’Allegato 1) ed alle specifiche previsioni contenute nell’Allegato 2), ove compatibili con siffatta attività produttiva;


8. che, dal 18 maggio 2020, è consentita l’apertura dei rifugi montani ed escursionistici custoditi di cui alla L.R. n. 75/1995 ss.mm.ii., a condizione che rispettino le condizioni di cui all’allegato “Protocollo di sicurezza per l’esercizio delle attività dei rifugi di cui alla L.R. n. 75/1995 ss.mm.ii.” (cfr., Allegato 6);


9. di precisare che i rifugi custoditi di cui alla L.R. n. 75/1995 ss.mm.ii., nel somministrare gli alimenti anche sotto forma di ristorazione, devono sottostare al Protocollo previsto nell’Allegato 1) ed alle specifiche previsioni contenute nell’Allegato 2), ove compatibili con siffatta attività produttiva;


10. che le disposizioni di cui agli Allegati, 1) (per i casi non ricompresi nel precedente punto della presente Ordinanza), 2) e 5) alla presente Ordinanza si applicano anche ai rifugi di cui alla L.R. n. 75/1995 ss.mm.ii., ove compatibili;


11. che, dal 18 maggio 2020, è consentita l’apertura degli agriturismi di cui alla L.R. 31 luglio 2012, n. 38, a condizione che rispettino le condizioni di cui all’allegato “Protocollo di sicurezza per l’esercizio dell’attività degli agriturismi” (cfr., Allegato 7);


12. di precisare che gli agriturismi di cui alla L.R. 31 luglio 2012, n. 38, nel somministrare gli alimenti anche sotto forma di ristorazione, devono sottostare al Protocollo previsto nell’Allegato 1) ed alle specifiche previsioni contenute nell’Allegato 2), ove compatibili con siffatta attività produttiva;


13. che le disposizioni di cui agli Allegati, 1) (per i casi non ricompresi nel precedente punto della presente Ordinanza), 2) e 5) alla presente Ordinanza si applicano anche agli agriturismi di cui alla L.R. 31 luglio 2012, n. 38, ove compatibili;


14. che per quanto concerne l’ospitalità nella ricettività extralberghiera:

  • a) è consentita l’attività della ricettività extralberghiera e dei bed & breakfast il cui esercizio è sospeso, se rivolta ad operatori della sanità o addetti comunque allo svolgimento di attività connesse all’emergenza, ovvero a coloro che sono autorizzati a spostarsi per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o per motivi di salute;
  • b) che le modalità di completa riapertura sono rinviate ad un successivo provvedimento, redatto alla luce dell’emanando documento tecnico sulle ipotesi di rimodulazione delle misure contenitive del contagio da SARS-CoV-2 nel settore delle attività extralberghiere redatto dall’INAIL e dall’Istituto Superiore di Sanità;

15. che, relativamente alle autoscuole:

  • a) l’art. 1, comma 1, lett. v), D.P.C.M. 26 aprile 2020 sospende gli esami di idoneità alla guida di cui all’art. 121 D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285, da espletarsi presso gli uffici periferici della motorizzazione civile, ma non risulta disporre una sospensione delle iscrizioni agli esami né una sospensione dell’attività di istruzione di guida ai fini del conseguimento dell’idoneità;
  • b) il codice ATECO 85.53 Attività delle scuole guide, risulta presente nell’Allegato 3 del D.P.C.M. 26 aprile 2020 quale attività consentita. Ne consegue che le autoscuole possono effettuare esercitazioni di guida considerando l’automobile un “luogo di lavoro” e, come tale, soggetto a tutte le prescrizioni necessarie ad assicurare la massima igiene, quali, a titolo di esempio, uso della mascherina, igienizzazione delle mani o uso dei guanti da parte dell’istruttore e del discente e la sanificazione dell’automobile dopo ogni guida;
  • c) le attività delle Autoscuole, Centri di Istruzione, Automobilistica, Scuole Nautiche e Studi di Consulenza Automobilistica possono svolgersi nel rispetto delle condizioni di cui all’allegato “Protocollo di sicurezza per l’esercizio delle Autoscuole, Centri di Istruzione, Automobilistica, Scuole Nautiche e Studi di Consulenza Automobilistica” (cfr., Allegato 8);
  • d) è consentita l’attività formativa a distanza in diretta streaming (non con video registrati), la quale consente la verifica sulla partecipazione diretta e responsabile all’attività didattica;

16. che dal 18 maggio 2020 è consentito l’esercizio delle attività commerciali al dettaglio finora non ricomprese nelle deroghe di cui agli Allegati 1) e 3) del D.P.C.M. 26 aprile 2020;


17. che, dal 18 maggio 2020, l’esercizio delle attività commerciali su aree pubbliche (mercati – fiere – posteggi isolati – commercio itinerante) deve essere svolto nel rispetto delle condizioni di cui all’allegato “Protocollo di sicurezza per l’esercizio delle attività commerciali su aree pubbliche (mercati – fiere – posteggi isolati – commercio itinerante)” (cfr., Allegato 9);


18. di precisare che l’esercizio delle attività commerciali su aree pubbliche (mercati – fiere – posteggi isolati – commercio itinerante), nel somministrare gli alimenti anche sotto forma di ristorazione, devono sottostare al Protocollo previsto nell’Allegato 1) ed alle specifiche previsioni contenute nell’Allegato 2), ove compatibili con siffatta attività produttiva;


19. che, dal 18 maggio 2020, l’esercizio delle attività commerciali su sede fissa, anche al dettaglio, deve essere svolto nel rispetto delle condizioni di cui all’allegato “Protocollo di sicurezza per l’esercizio delle attività commerciali in sede fissa” (cfr., Allegato 10);


20. di precisare che l’esercizio delle attività commerciali in sede fissa, nel somministrare gli alimenti anche sotto forma di ristorazione, devono sottostare al Protocollo previsto nell’Allegato 1) ed alle specifiche previsioni contenute nell’Allegato 2), ove compatibili con siffatta attività produttiva;


21. che, gli artisti ed i musicisti possono riunirsi in luoghi chiusi al pubblico per effettuare le prove, rispettando le forme prescritte di distanziamento sociale ed, ove possibile, utilizzando i dispositivi di protezione individuale;


22. che, per le attività finalizzate alla riapertura delle attività attualmente sospese:

  • a) a decorrere dal 14 maggio 2020, alle attività commerciali sospese, o parzialmente sospese ovvero limitate, in base al D.P.C.M. del 26 aprile 2020, è consentito eseguire gli interventi necessari alla predisposizione delle misure di prevenzione e contenimento del contagio finalizzati alla riapertura per la data del 18 maggio 2018;
  • b) a decorrere dal 14 maggio 2020, alle attività formative che non appartengono alla rete della formazione accreditata e che realizzano prevalentemente attività rivolte ai minori, non altrimenti eseguibili se non in presenza (in via esemplificativa, ma non esaustiva: doposcuola, scuole di lingue, di informatica, di musica), è consentito eseguire gli interventi necessari alla predisposizione delle misure di prevenzione e contenimento del contagio finalizzati alla riapertura in data da destinarsi;
  • c) allo scopo di eseguire tali interventi, è consentito l’accesso alle strutture e agli spazi aziendali esclusivamente al personale impegnato in attività di manutenzione, ristrutturazione, montaggio, pulizia e sanificazione nonché a operatori economici ai quali sono commissionate tali attività e che, pertanto, devono rientrare tra quelle non sospese;
  • d) per semplificare la messa in opera degli interventi di cui alla presente ordinanza, la Regione Abruzzo pubblica progressivamente sul sito istituzionale i protocolli di sicurezza per tipologia di attività economica, definite in confronto con le organizzazioni di categoria e basate sulle indicazioni contenute:
  • I. negli allegati del D.P.C.M. del 26 aprile 2020;
  • II. nei documenti tecnici elaborati dall’INAIL;
  • III. nel “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro” sottoscritto il 14 marzo 2020 fra il Governo e le parti sociali, successivamente integrati in data 24 aprile 2020;
  • IV. nelle linee guida nazionali in materia di sanificazione;
  • 23. che, la disciplina degli orari di apertura delle attività commerciali, artigianali e produttive ammesse alla riapertura è stabilita con provvedimento del Sindaco del Comune di riferimento;

24. che, relativamente alla vendita da asporto:

  • a) fino al 17 maggio 2020, le attività dei servizi di ristorazione (a titolo esemplificativo e non esaustivo, bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite con consegna a domicilio e con asporto di cibo cucinato e bevande:
  • I. previa ordinazione on-line, telefonica o tramite app;
  • II. garantendo che gli ingressi per il ritiro dei prodotti ordinati avvengano per appuntamenti dilazionati nel tempo per evitare assembramenti.
  • b) è consentita la vendita per asporto, anche senza previa prenotazione, per cibo pronto come pure per caffè, cappuccini o altre bevande da parte di bar, pizzerie al taglio, gelaterie, pasticcerie (a titolo semplificativo, ma non esaustivo);
  • c) rimane fermo, in entrambi i casi, che potrà entrare nel locale un cliente alla volta, assicurando che permanga il tempo strettamente necessario alla consegna e al pagamento della merce e il divieto di consumare i prodotti all’interno dei locali o nella superficie aperta al pubblico all’uopo attrezzata, o di sostare nelle vicinanze. È ragionevole indicare il termine di 200 metri dall’esercizio in cui è vietato sostare;
  • d) l’asporto è consentito anche nei giorni festivi, ivi compresa la domenica e le festività patronali. Non sono previsti limiti di orario, fermo restando il rispetto degli orari previsti dai singoli regolamenti comunali;
  • e) gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle are di servizio e rifornimento carburante si applica il punto 5 dell’Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 56/2020. Pertanto, questi esercizi possono effettuare esclusivamente la vendita per l’asporto, anche senza previa prenotazione, di cibo pronto, caffè, cappuccini o altre bevande. Rimane fermo il divieto di consumare i prodotti all’interno dei locali;

25. che, relativamente alle attività commerciali nei mercati:

  • a) a far data dal 18 maggio 2020, sono riaperte tutte le attività commerciali, rispettando i protocolli di sicurezza nazionali e regionali vigenti, nonché l’Allegato 6 al D.P.C.M. 26 aprile 2020;
  • b) nei mercati coperti e scoperti possono essere messe in vendita tutte le merci oggetto di commercio;
  • c) il commercio ambulante è consentito soltanto nei luoghi indicati dai Comuni territorialmente competenti;

26. che, relativamente alle attività artigianali, a partire dal 18 maggio 2020, le imprese artigiane già oggetto delle modalità previste dal punto 10) dell’Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 56/2020 e non ricomprese nei codici ATECO contemplati dall’Allegato 3 del D.P.C.M. 26 aprile 2020 possono riaprire senza limitazioni, purché:

  • a) rispettino le dovute forme di distanziamento sociale;
  • b) facciano ricorso all’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale;
  • c) rispettino gli obblighi imposti dall’Allegato 6 del D.P.C.M. del 26 aprile 2020;

27. che, relativamente agli acconciatori, estetiste, centri benessere:

  • a) l’Allegato 1, paragrafo 2, lett. a) dell’Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 56/2020 è da intendersi nel senso che all’interno del locale deve esserci la presenza di un solo cliente per operatore;
  • b) a tal riguardo, si segnala che per “operatore”, al di là del titolare, si intende esclusivamente colui/colei che è legato/a da un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione. Non rientrano in questa tipologia gli stagisti o i tirocinanti che, allo stato, non possono rientrare all’interno dei saloni;
  • c) la distanza di sicurezza di almeno un metro tra le postazioni deve essere sempre garantita o tramite l’alternanza delle postazioni, sia nella zona del lavaggio che, nelle zone trattamenti, oppure tramite l’applicazione di pannelli in plexiglass;
  • d) il numero dei clienti in negozio dipende dalla possibilità di garantire le distanze di sicurezza di almeno un metro in tutte le zone dedicate. È consentito che un operatore specializzato possa occuparsi di più clienti (ad esempio, l’addetto al colore, al taglio, al lavaggio, etc.) in modalità un cliente per volta, purché tra un cliente e l’altro vengano adottate tutte le prescrizioni di igienizzazione di postazioni e personali (cambio dei guanti, lavaggio mani e/o sanificazione mani e postazione) e sempre nel rispetto assoluto delle distanze di sicurezza, del numero dei clienti, e della permanenza in negozio per il tempo strettamente necessario;
  • e) gli effetti personali dei clienti e degli operatori devono essere riposti in armadietti. In mancanza oppure chiusi in buste monouso;
  • f) la zona cassa deve essere delimitata da un pannello di plexiglass;
  • g) l’abbigliamento monouso può essere sostituito soltanto da abbigliamento atto al lavaggio con igienizzanti a 60/90 gradi;
  • h) l’uso dei soprascarpe monouso nei centri estetici è destinato ai clienti e agli operatori sprovvisti di calzature adatte all’igienizzazione. I soprascarpe possono essere sostituiti con teli o pantofole monouso.

28. che permane la vigenza delle condizioni di sicurezza previste dall’Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 54/2020 sulle modalità di accesso ai mercati;


29. che l’efficacia delle Ordinanze del Presidente della Giunta Regionale n. 50 del 30 aprile 2020 e n. 52 del 30 aprile 2020 relativamente ai punti 1, 2, 3, 4 e 6 è prorogata oltre il 17 maggio 2020 senza limiti temporali, salvo nuovo provvedimento;ù


30. che gli spostamenti riferiti ai punti 1), 2) e 3) dell’Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 57 del 6 maggio 2020 relativi alla caccia di selezione, all’attività di raccolta di funghi, tartufi, erbe e frutti spontanei, e ai censimenti della specie coturnice (Alectoris graeca), sono consentiti su tutto il territorio regionale, nel rispetto delle misure di distanziamento sociale;


31. che è consentito l’allevamento e l’addestramento di volatili (colombi viaggiatori, falchi…) nel rispetto delle misure di distanziamento sociale e della normativa vigente in materia; lo spostamento è consentito su tutto il territorio regionale limitatamente ad una sola volta al giorno, con rientro nella medesima giornata nel posto da cui si è partiti;


32. che rimane sospesa l’attività delle sale gioco, scommesse, bingo, anche qualora siano svolte all’interno di bar, pubblici esercizi e/o affini;


33. che è permesso recarsi presso le proprie seconde case e che vi è possibile pernottare nel fine settimana (cioè, nelle notti tra venerdì e sabato e tra sabato e domenica);


34. che è possibile utilizzare auto d’epoca e auto sportive su tutto il territorio regionale purché in modo individuale o con più di una persona purché appartenenti allo stesso nucleo familiare;


35. che l’efficacia della presente ordinanza decorre dalla data di pubblicazione sul sito istituzionale della Regione.


❓Vai qui per le domande e risposte frequenti


 

Gli allegati alla presente ordinanza costituiscono parte integrante e sostanziale della medesima.

Allegati:

 


Vai qui per l’Ordinanza n. 56 con disposizioni per esercizi commerciali, attività artigiane, mercati, acconciatori, estetisti, tatuatori/piercer e centri benessere, manutenzione camper. 

Proroghe e scadenze: multe, documenti di guida e circolazione

A causa dello stato di emergenza provocato dal Coronavirus, sono state emanate molte novità normative che è utile conoscere perché ci permettono di rimandare le operazioni da compiere agli sportelli pubblici e privati. 

Ecco le proroghe che interessano proprietari e conducenti di veicoli a motore e futuri patentati e chi deve pagare una multa.

 

MULTE 

Sospesi dal 23 febbraio al 15 maggio 2020 (salvo successive proroghe) i termini per: 

  • pagamento delle sanzioni, compresa la possibilità del pagamento scontato del 30% 
  • presentazione di ricorsi amministrativi al Prefetto o giurisdizionali al Giudice di Pace 
  • comunicazione dei dati relativi al conducente al fine della decurtazione dei punti (art. 126 bis C.d.S.) 
  • presentazione di atti, documenti e di comunicazioni di informazioni (art. 180, comma 8 – C.d.S.) 

ATTENZIONE: a essere sospesi sono solo i termini previsti per i suddetti adempimenti e non l’obbligo di procedere con questi adempimenti. 

In altri termini: il pagamento della sanzione, la presentazione del ricorso o le altre comunicazioni sono attività possibili e comunque obbligatorie, che producono gli effetti previsti dalla normativa di riferimento. 

 

PAGAMENTO CON IMPORTO RIDOTTO DEL 30% 

Il Codice della Strada prevede la possibilità di pagare la sanzione con lo sconto del 30%, se il pagamento è effettuato entro 5 giorni dalla contestazione e notificazione della violazione. 

A causa dell’emergenza COVID-19 nel periodo compreso tra il 17 marzo e il 31 maggio 2020 sarà possibile usufruire dello sconto del 30% per un periodo più lungo, ossia per 30 giorni dalla contestazione o notificazione. 

Concretamente, questa agevolazione fa riferimento a tutti verbali contestati/notificati a partire dal 16 febbraio e non può andare oltre il 31 maggio 2020. Pertanto, i termini andranno progressivamente a scalare fino a ritornare ai 5 giorni previsti dal Codice della Strada. 

Alcuni esempi: 

  • verbale notificato/contestato il 20 aprile 2020 – termine ultimo per il pagamento in forma scontata del 30% 31 maggio 2020 
  • verbale notificato/contestato il 05 maggio 2020 – termine ultimo per il pagamento in forma scontata del 30% 31 maggio 2020 
  • verbale notificato/contestato il 20 maggio 2020 – termine ultimo per il pagamento in forma scontata del 30% 31 maggio 2020 
  • verbale notificato/contestato il 27 maggio 2020, si può beneficiare dello sconto del 30% solo se il pagamento effettuato entro 5 giorni (1° giugno). 

ATTENZIONE: non rientrano in queste eccezioni le multe che prevedono la confisca del veicolo o della sospensione della patente di guida per le quali non è mai previsto il pagamento ridotto del 30%. 

 

DOCUMENTI DI CIRCOLAZIONE E DI IDENTITÀ 

Patente di guida, foglio rosa, esami e certificati medici per il conseguimento della patente: le patenti di guida in scadenza dopo il 31 gennaio 2020 sono prorogate di validità fino al 31 agosto 2020. Sono incluse le patenti rilasciate da uno Stato dell’Unione Europea il cui titolare abbia la residenza in Italia. La proroga di validità è automatica e non prevede alcun adempimento da parte del titolare. 

I certificati di idoneità alla guida (GIC) per ciclomotori in scadenza dopo il 31 gennaio 2020 sono prorogati di validità fino al 31 agosto 2020. La proroga di validità è automatica e non prevede alcun adempimento da parte del titolare. 

Le autorizzazioni ad esercitarsi alla guida (foglio rosa) con scadenza compresa tra il 31 gennaio ed il 31 luglio sono prorogate fino al 29 ottobre 2020. 

I certificati medici rilasciati per il conseguimento della patente di guida in scadenza tra il 31 gennaio ed il 31 luglio sono prorogati di validità fino al 29 ottobre 2020. 

È prorogata al 30 giugno 2020 la validità dei permessi provvisori di guida rilasciati ai titolari di patente che devono sottoporsi alla prescritta visita medica, se le competenti commissioni mediche non sono in grado di riunirsi. 

PROROGA DELLA VALIDITÀ DI AUTORIZZAZIONI, CONCESSIONI O ALTRI TITOLI ABILITATIVI O ATTI AMMINISTRATIVI IN SCADENZA 

È prorogata al 29 ottobre 2020 la validità dei certificati, degli attestati, dei permessi, delle concessioni, delle autorizzazioni e degli atti abilitativi in scadenza tra il 31 gennaio ed il 31 luglio 2020. 

Alcuni esempi: 

  • le carte di qualificazioni del conducente (CQC) 
  • i certificati di formazione professionale (CPP) per il trasporto di merci pericolose 
  • i certificati di abilitazione professionale; 
  • le autorizzazioni o le licenze per il trasporto di merci o di persone previste dal C.d.S. o da norme speciali; 
  • le autorizzazioni sanitarie per il trasporto di animali o alimenti 
  • le autorizzazioni per il trasporto di rifiuti 
  • l’attestato rilasciato per la guida di autotreni ed autoarticolati la cui massa complessiva a pieno carico sia superiore a 20 tonnellate, ai conducenti che abbiano compiuto sessanta anni 
  • l’attestato rilasciato per la guida di autobus, autocarri, autotreni, autoarticolati, autosnodati adibiti al trasporto di persone, ai conducenti che abbiano compiuto sessanta anni (art. 115, comma 2, lettera b) C.d.S.) 
  • gli estratti della carta di circolazione rilasciati dagli uffici della Motorizzazione ai sensi dell’art. 92, comma 1, C.d.S., in deroga al termine massimo di validità di 60 giorni 
  • l’autorizzazione per la circolazione di prova per le quali non sia già pendente il procedimento di rinnovo. 

 

DOCUMENTI DI RICONOSCIMENTO E DI IDENTITÀ 

La validità dei documenti di riconoscimento e d’identità rilasciati da amministrazioni pubbliche, scaduti o in scadenza dal 31 gennaio è prorogata al 31 agosto 2020. La validità ai fini dell’espatrio resta invece limitata alla data di scadenza indicata nel documento. 

 

ASSICURAZIONE VEICOLI A MOTORE 

Fino al 31 luglio 2020 le compagnie assicurative sono tenute a garantire l’effetto di una polizza assicurativa scaduta di ulteriori quindici giorni rispetto ai 15 già previsti 

 

REVISIONE 

Possono circolare fino al 31 ottobre 2020 tutti i veicoli che devono essere sottoposti a revisione nonché a visita e prova entro il 31 luglio 2020. 

 

Ultimo aggiornamento: mercoledì 13 maggio 2020