Proroghe e scadenze: multe, documenti di guida e circolazione

A causa dello stato di emergenza provocato dal Coronavirus, sono state emanate molte novità normative che è utile conoscere perché ci permettono di rimandare le operazioni da compiere agli sportelli pubblici e privati. 

Ecco le proroghe che interessano proprietari e conducenti di veicoli a motore e futuri patentati e chi deve pagare una multa.

 

MULTE 

Sospesi dal 23 febbraio al 15 maggio 2020 (salvo successive proroghe) i termini per: 

  • pagamento delle sanzioni, compresa la possibilità del pagamento scontato del 30% 
  • presentazione di ricorsi amministrativi al Prefetto o giurisdizionali al Giudice di Pace 
  • comunicazione dei dati relativi al conducente al fine della decurtazione dei punti (art. 126 bis C.d.S.) 
  • presentazione di atti, documenti e di comunicazioni di informazioni (art. 180, comma 8 – C.d.S.) 

ATTENZIONE: a essere sospesi sono solo i termini previsti per i suddetti adempimenti e non l’obbligo di procedere con questi adempimenti. 

In altri termini: il pagamento della sanzione, la presentazione del ricorso o le altre comunicazioni sono attività possibili e comunque obbligatorie, che producono gli effetti previsti dalla normativa di riferimento. 

 

PAGAMENTO CON IMPORTO RIDOTTO DEL 30% 

Il Codice della Strada prevede la possibilità di pagare la sanzione con lo sconto del 30%, se il pagamento è effettuato entro 5 giorni dalla contestazione e notificazione della violazione. 

A causa dell’emergenza COVID-19 nel periodo compreso tra il 17 marzo e il 31 maggio 2020 sarà possibile usufruire dello sconto del 30% per un periodo più lungo, ossia per 30 giorni dalla contestazione o notificazione. 

Concretamente, questa agevolazione fa riferimento a tutti verbali contestati/notificati a partire dal 16 febbraio e non può andare oltre il 31 maggio 2020. Pertanto, i termini andranno progressivamente a scalare fino a ritornare ai 5 giorni previsti dal Codice della Strada. 

Alcuni esempi: 

  • verbale notificato/contestato il 20 aprile 2020 – termine ultimo per il pagamento in forma scontata del 30% 31 maggio 2020 
  • verbale notificato/contestato il 05 maggio 2020 – termine ultimo per il pagamento in forma scontata del 30% 31 maggio 2020 
  • verbale notificato/contestato il 20 maggio 2020 – termine ultimo per il pagamento in forma scontata del 30% 31 maggio 2020 
  • verbale notificato/contestato il 27 maggio 2020, si può beneficiare dello sconto del 30% solo se il pagamento effettuato entro 5 giorni (1° giugno). 

ATTENZIONE: non rientrano in queste eccezioni le multe che prevedono la confisca del veicolo o della sospensione della patente di guida per le quali non è mai previsto il pagamento ridotto del 30%. 

 

DOCUMENTI DI CIRCOLAZIONE E DI IDENTITÀ 

Patente di guida, foglio rosa, esami e certificati medici per il conseguimento della patente: le patenti di guida in scadenza dopo il 31 gennaio 2020 sono prorogate di validità fino al 31 agosto 2020. Sono incluse le patenti rilasciate da uno Stato dell’Unione Europea il cui titolare abbia la residenza in Italia. La proroga di validità è automatica e non prevede alcun adempimento da parte del titolare. 

I certificati di idoneità alla guida (GIC) per ciclomotori in scadenza dopo il 31 gennaio 2020 sono prorogati di validità fino al 31 agosto 2020. La proroga di validità è automatica e non prevede alcun adempimento da parte del titolare. 

Le autorizzazioni ad esercitarsi alla guida (foglio rosa) con scadenza compresa tra il 31 gennaio ed il 31 luglio sono prorogate fino al 29 ottobre 2020. 

I certificati medici rilasciati per il conseguimento della patente di guida in scadenza tra il 31 gennaio ed il 31 luglio sono prorogati di validità fino al 29 ottobre 2020. 

È prorogata al 30 giugno 2020 la validità dei permessi provvisori di guida rilasciati ai titolari di patente che devono sottoporsi alla prescritta visita medica, se le competenti commissioni mediche non sono in grado di riunirsi. 

PROROGA DELLA VALIDITÀ DI AUTORIZZAZIONI, CONCESSIONI O ALTRI TITOLI ABILITATIVI O ATTI AMMINISTRATIVI IN SCADENZA 

È prorogata al 29 ottobre 2020 la validità dei certificati, degli attestati, dei permessi, delle concessioni, delle autorizzazioni e degli atti abilitativi in scadenza tra il 31 gennaio ed il 31 luglio 2020. 

Alcuni esempi: 

  • le carte di qualificazioni del conducente (CQC) 
  • i certificati di formazione professionale (CPP) per il trasporto di merci pericolose 
  • i certificati di abilitazione professionale; 
  • le autorizzazioni o le licenze per il trasporto di merci o di persone previste dal C.d.S. o da norme speciali; 
  • le autorizzazioni sanitarie per il trasporto di animali o alimenti 
  • le autorizzazioni per il trasporto di rifiuti 
  • l’attestato rilasciato per la guida di autotreni ed autoarticolati la cui massa complessiva a pieno carico sia superiore a 20 tonnellate, ai conducenti che abbiano compiuto sessanta anni 
  • l’attestato rilasciato per la guida di autobus, autocarri, autotreni, autoarticolati, autosnodati adibiti al trasporto di persone, ai conducenti che abbiano compiuto sessanta anni (art. 115, comma 2, lettera b) C.d.S.) 
  • gli estratti della carta di circolazione rilasciati dagli uffici della Motorizzazione ai sensi dell’art. 92, comma 1, C.d.S., in deroga al termine massimo di validità di 60 giorni 
  • l’autorizzazione per la circolazione di prova per le quali non sia già pendente il procedimento di rinnovo. 

 

DOCUMENTI DI RICONOSCIMENTO E DI IDENTITÀ 

La validità dei documenti di riconoscimento e d’identità rilasciati da amministrazioni pubbliche, scaduti o in scadenza dal 31 gennaio è prorogata al 31 agosto 2020. La validità ai fini dell’espatrio resta invece limitata alla data di scadenza indicata nel documento. 

 

ASSICURAZIONE VEICOLI A MOTORE 

Fino al 31 luglio 2020 le compagnie assicurative sono tenute a garantire l’effetto di una polizza assicurativa scaduta di ulteriori quindici giorni rispetto ai 15 già previsti 

 

REVISIONE 

Possono circolare fino al 31 ottobre 2020 tutti i veicoli che devono essere sottoposti a revisione nonché a visita e prova entro il 31 luglio 2020. 

 

Ultimo aggiornamento: mercoledì 13 maggio 2020 

Ordinanza N. 21 del 10/04/2020

Nei giorni di sabato 11 aprile 2020, domenica 12 aprile 2020 e lunedì 13 aprile 2020, per l’intera durata delle 24 ore:

1. interdizione assoluta al transito pedonale sui marciapiedi e sulle piste ciclabili di Viale Torre Costiera e del tratto di competenza territoriale del Ponte Filomena Delli Castelli, dal confine con il comune di Montesilvano, con deroga per quanti debbano accedere o uscire dalla propria residenza, domicilio o abitazione posti su Viale Torre Costiera esclusivamente per attendere alle occupazioni per le quali è previsto l’utilizzo dell’autocertificazione conseguente al D. L. 19/2020, in vigore dal 26/03/2020;

2. interdizione assoluta al passaggio di acceleratori di velocità e velocipedi (biciclette, ciclomotori o mezzi a trazione elettrica) sulle piste ciclabili di Viale Torre Costiera e del tratto di competenza territoriale del Ponte Filomena Delli Castelli, dal confine con il comune di Montesilvano;

3. divieto tassativo di accedere su tutte le spiagge del litorale cittadino compreso tra i comuni confinanti di Montesilvano e Silvi;

4. divieto assoluto di stazionare sulle aree verdi del territorio comunale, nelle zone esterne alle carreggiate viarie e nelle aree di sosta e/o parcheggi variamente denominati; ciò in aggiunta alle previsioni di chiusura al pubblico di parchi e aree verdi dotati di recinzione già adottate con precedenti provvedimenti.

⚠️ Si avverte che il mancato rispetto dei divieti e limitazioni di cui sopra sarà punito ai sensi dell’art. 4 del D. L. 19/2020, il quale prevede sanzioni amministrative pecuniarie da € 400,00 a € 3.000,00. Se il mancato rispetto delle già menzionate misure avviene mediante l’utilizzo di un veicolo le sanzioni sono aumentate fino a un terzo.

 

Leggi l’ordinanza completa AttoPubblicato_2020_12_21

Nuovo modulo per l’autodichiarazione per gli spostamenti (26 marzo 2020)

L’autocertificazione per gli spostamenti cambia ancora.

Il testo è stato modificato alla luce del decreto 19 pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale e delle situazioni di incertezza emerse in questi giorni. Il modello da utilizzare per le autodichiarazioni è scaricabile qui, ma sarà anche in dotazione alle pattuglie.

Il nuovo modulo prevede, oltre alla dichiarazione di non essere sottoposti alla quarantena e di non essere positivo, anche la consapevolezza – oltre alle misure disposte dal governo nazionale – anche di eventuali provvedimenti adottati dai presidenti delle Regioni coinvolte in eventuali spostamenti nel territorio, dunque quella da cui ci si sposta e quella in cui si arriva che potrebbero avere adottato ulteriori limitazioni.

Il modulo poi esplicita tutta una serie di situazioni di necessità per cui è consentito lo spostamento in modo da evitare interpretazioni diverse. E dunque tra gli stati di necessità sono compresi, ad esempio, il rientro dall’estero, le denunce di reati, gli obblighi di affidamento di minori, l’assistenza a congiunti o persone con disabilità.

Cambia infine anche il riferimento alle sanzioni, ora multe amministrative, e non più penali, previste per chi viola le norme.

Una sanzione aggiornata dal governo e specifica per chi non ha rispettato la quarantena, sia essa obbligatoria sia essa volontaria, “è quella che fa riferimento all’articolo 260 delle leggi sanitarie e prevede l’arresto da 3 a 18 mesi e una sanzione amministrativa da 500 a 5000 euro”.

Scarica qui il modulo Modulo per controllo 26 marzo 2020

Modulo per l’autodichiarazione per gli spostamenti (23 marzo 2020)

Coronavirus, cambia il modulo dell’autocertificazione per gli spostamenti. 

Viene abolita la possibilità – contenuta nel decreto precedente – che assicurava comunque il rientro nel luogo di domicilio, abitazione o residenza. Da ora, infatti, il rientro è consentito soltanto solo nei casi in cui lo spostamento è legato a esigenze lavorative, esigenze di assoluta urgenza, motivi di salute. Il nuovo modello da utilizzare per le autodichiarazioni è online, ma sarà anche in dotazione alle pattuglie.

È previsto anche che l’operatore di polizia controfirmi l’autodichiarazione, attestando che viene resa in sua presenza e previa identificazione del dichiarante. In tal modo il cittadino viene esonerato dall’onere di allegare all’autodichiarazione una fotocopia del proprio documento di identità.

Chiunque attesti il falso rischia di essere denunciato e in alcuni casi anche arrestato per attentato alla salute pubblica, così come previsto nell’articolo 452 del codice penale che impartisce una pena fino a 12 anni di carcere.

Scarica qui il modulo Nuova autocertificazione coronavirus_23194904

AVVISO VIABILITA’

CHIUSURA A14 AL TRAFFICO PESANTE

La Società Autostrade SpA comunica che a seguito di decreto dell’autorità giudiziaria, il tratto di A14 incluso tra i caselli di Pescara Nord e Pineto è stato chiuso al traffico pesante.
Tutti i veicoli con massa superiore a 3,5 tonnellate, autobus inclusi, transiteranno sulla SS16 sia in direzione nord, che in direzione sud.
Il provvedimento ha effetto immediato e fino a data da destinarsi.
Nei prossimi giorni non si possono escludere modifiche alla viabilità per fronteggiare al meglio la situazione.
Questa situazione potrebbe congestionare ulteriormente il traffico, già intenso a causa delle Festività imminenti.
Comprendiamo i disagi, vi chiediamo pazienza ma, soprattutto, vi preghiamo di fare attenzione !
Grazie.

Avviso pubblico per indagine di mercato

Il Settore Polizia Locale ha indetto un avviso pubblico per indagine di mercato ex art. 36, comma 2°, lett. b) del D. Lgs. n. 50/2016 e ss. mm. e ii., per individuare un’azienda cui affidare la fornitura, l’installazione, il collaudo e la manutenzione di apparecchiatura omologata per il controllo automatico della velocità in sede fissa, mediante la formula del noleggio a canone fisso mensile.

La determina e i relativi allegati, incluso il modulo per la manifestazione di interesse anche in formato pdf editabile, sono reperibili nella sezione Avvisi e Bandi del sito di Amministrazione Trasparente, raggiungibile cliccando qui, oppure è possibile scaricarli dall’Albo Pretorio online cercando la pubblicazione n. 2019/2252 cliccando qui.

Il termine entro cui far pervenire la manifestazione di interesse è fissato alle ore 12:00 di martedì 10 dicembre 2019.

Nuovo Regolamento Comunale per il servizio di volontariato “Nonno Vigile”

Nuovo Regolamento Comunale per la disciplina del servizio di volontariato denominato “Nonno Vigile”

Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 55 del 30//07/2019

Scarica qui il Modulo di domanda per diventare Nonno Vigile (da consegnare alla Polizia Municipale)

 

PREMESSA
In esecuzione della deliberazione di Consiglio Comunale n. 75 del 30/11/2009, il Comune di Città Sant’Angelo (PE) ha istituito il servizio volontario denominato “Nonno Vigile”.
Con il presente nuovo regolamento ci si propone di riorganizzare il servizio affinché i cittadini coinvolti collaborino con il Comune di Città Sant’Angelo, con le istituzioni scolastiche, e con le associazioni del territorio.

ART. 1
OGGETTO DEL SERVIZIO
Il servizio coinvolge i cittadini di entrambi i sessi che vogliano prestare la propria opera nel presidiare e sorvegliare principalmente le zone in prossimità di edifici scolastici e più in generale quelle frequentate da minori.

ART. 2
NATURA GIURIDICA DEL SERVIZIO
Il servizio “Nonno Vigile” è costituito da un’attività prestata a esclusivo titolo di volontariato, senza vincolo di subordinazione gerarchica e senza costituzione di un rapporto di lavoro di pubblico impiego.

ART. 3
OBIETTIVI DEL SERVIZIO
Gli obiettivi principali del servizio “Nonno Vigile” sono:
• VALORIZZARE il tempo, le competenze e le conoscenze di tutti coloro che sono usciti dal mercato del lavoro (pensionati);
• ASSISTERE i bambini al momento dell’ingresso e dell’uscita dalla scuola;
• COLLABORARE con la Polizia Locale nella vigilanza dei plessi Scolastici e dei luoghi frequentati dai minori, liberando le risorse della Polizia Locale per azioni di tipo più specifico di controllo del territorio;
• COLLABORARE con l’Amministrazione Comunale in occasione di manifestazioni a carattere sportivo, culturale e similari.

ART. 4
DESTINATARI
Il servizio è indirizzato a tutti i cittadini valutati idonei dal punto di vista psico/fisico e attitudinale, che siano usciti dal mercato del lavoro (pensionati) e che intendano partecipare ad attività di utilità sociale e sentirsi parte attiva delle stesse.

ART. 5
REQUISITI
Gli aspiranti dovranno possedere i seguenti requisiti:
• essere pensionato,
• non svolgere alcuna prestazione di attività lavorativa subordinata o autonoma,
• avere una età non superiore ai 75 anni. Al compimento del 75° anno il volontario termina il servizio tranne che nei casi di cui all’art. 10;
• essere residente nel Comune di Città Sant’Angelo (PE);
• non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali in corso;
• essere in possesso della patente di guida per autoveicoli in corso di validità (accludendo copia),
• essere in possesso della idoneità psicofisica all’effettuazione dei compiti indicati nel presente regolamento, comprovata da certificato medico (accludendo copia) rilasciato dal medico di base nei 15 giorni precedenti alla scadenza del bando;

ART. 6
MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO
Dopo l’approvazione da parte del Consiglio Comunale del presente nuovo regolamento, il servizio sarà articolato come segue:
1. pubblicazione del Bando;
2. presentazione di istanza al Corpo Polizia Locale su apposita modulistica;
3. valutazione dei requisiti psico-fisici e documentali;
4. colloquio attitudinale per la valutazione della motivazione e delle competenze;
5. corso di formazione a cura di personale dell’Ente;
6. nomina del Sindaco;
7. inizio del servizio attivo da parte del volontario;

ART. 7
FORMAZIONE E SELEZIONE
Il Comando Polizia Locale dell’Ente inviterà gli aspiranti volontari a colloqui individuali con il Responsabile del servizio o suo delegato per valutarne le attitudini e conoscerne le esigenze.
Successivamente, il funzionario Responsabile della Polizia Locale organizzerà un corso di formazione per definire ruoli e compiti del “nonno vigile”.
Le modalità organizzative del corso saranno stabilite dal referente della Polizia locale.
Il corso dovrà essere articolato in una parte teorica e in una pratica consistente nell’affiancamento ad un operatore della Polizia Locale durante il servizio alle scuole.
Al termine del corso, il funzionario Responsabile della Polizia locale effettuerà la selezione tra i candidati che abbiano presentato domanda e che abbiano i requisiti di accesso di cui all’articolo 5.
Costituiranno requisiti preferenziali per la valutazione e la formazione della graduatoria dei candidati
i seguenti titoli:
a. l’aver svolto la propria attività lavorativa presso Corpi e/o Servizi di Polizia Locale;
b. l’aver svolto la propria attività lavorativa presso le Forze dell’Ordine;
c. l’appartenere in qualità di componente attivo ad associazioni combattentistiche e/o d’arma;
d. l’essere iscritto attivo ad associazioni di volontariato.

ART. 8
MODALITÀ E LUOGHI DI ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO
Il servizio verrà espletato sotto le direttive, il coordinamento ed il controllo del Comando della Polizia Locale, alle cui direttive i volontari dovranno adeguarsi.
Alla Polizia Locale spetta altresì l’adozione degli opportuni provvedimenti su quanto segnalato dai volontari.
Gli stessi, in caso di impedimento per malattia o altra causa daranno tempestiva informazione alla
Polizia Locale che si attiverà per la sostituzione.

ART. 9
COMPITI E COMPORTAMENTO
Il rapporto tra i volontari, i minori ed i loro accompagnatori ed i cittadini dovrà essere improntato all’educazione, al rispetto e alla tolleranza.
Ai volontari è richiesta affidabilità e puntualità.
Durante il servizio dovranno essere indossati elementi di riconoscimento in conformità a quanto disposto dal Responsabile la Polizia Locale e dall’art.13 del presente regolamento.
Il servizio di sorveglianza presso le scuole consisterà nelle seguenti attività:
• Stazionare davanti alla scuola assegnata durante gli orari di entrata e di uscita.
• Dare ausilio ai bambini che attraversano la strada dopo aver accertato che i veicoli si siano arrestati, senza procedere ad alcuna intimazione nei confronti dei conducenti dei veicoli.
• Invitare i minori e gli adulti ad utilizzare l’attraversamento pedonale,
• Segnalare alla Polizia Locale eventuali anomalie, problemi e necessità accertate durante il servizio, senza procedere a contatti verbali con eventuali trasgressori.
• Collaborare senza interferire o sostituirsi all’agente di Polizia Locale eventualmente presente nei pressi della scuola.
Il servizio di collaborazione in altre occasioni è soggetto in via di principio agli stessi obblighi, comportamenti e compiti di cui al servizio di sorveglianza dei plessi scolastici.

ART. 10
DURATA DELL’INCARICO
Gli incarichi assegnati ai volontari, previa pubblicazione di apposito bando pubblico, si ritengono rinnovati fino alla scadenza indicata nel bando e cessano per i seguenti motivi:
• dimissioni scritte da parte del volontario;
• revoca dell’incarico da parte dell’ufficio referente del progetto per inosservanza di quanto disposto dal presente Regolamento;
• raggiunti limiti di età. In casi eccezionali e con rinnovo annuale subordinata all’emissione della certificazione medica di idoneità di cui all’art.5, il volontario che abbia compiuto il 75° anno di età può essere prorogato.

ART. 11
COPERTURA ASSICURATIVA
Il Comune stipulerà per volontari che parteciperanno al servizio apposita polizza assicurativa per la copertura dei rischi RCT e per infortuni.

ART. 12
RIMBORSI
Il servizio è di utilità sociale ed è effettuato a titolo gratuito da volontari non retribuiti. Possono essere riconosciuti in via eventuale e con delibera della Giunta Comunale:
• rimborso di carattere simbolico;
• agevolazioni a servizi specifici erogati dall’ente per i cittadini appartenenti alla fascia di età di cui al presente regolamento;

ART. 13
DO TAZIONE DI SERVIZIO
Ogni volontario dovrà utilizzare per il servizio una dotazione di base individuata con atto congiunto del Responsabile della Polizia Locale e del Responsabile della Sicurezza dei Lavoratori.

ART. 14
COORDINA TORE DEL SERVIZIO
Il coordinatore del servizio è individuato nel Funzionario Responsabile del Servizio di Polizia Locale, fra gli appartenenti al corpo di Polizia Locale.
Il coordinatore avrà la funzione di vigilare sull’andamento del servizio, organizzando il calendario del servizio e dei turni di rotazione dei volontari, provvedendo alla sostituzione dei volontari effettivi in caso di assenza o impedimento con volontari di riserva.
Ciascun volontario dovrà riferire al coordinatore eventuali problemi, violazioni ed irregolarità riscontrate durante il servizio.

 

Scarica qui il Modulo di domanda per diventare Nonno Vigile

Costo copie digitali fascicoli sinistri stradali – Avviso

Costo copie digitali fascicoli sinistri stradali

Avviso all’utenza

Si ricorda che con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 15 del 29/03/2007 è stato previsto che il costo per il rilascio della copia del fascicolo completo relativo ad un sinistro stradale è pari ad € 35,00.

Trattandosi, come chiarito anche nella citata Deliberazione, di un costo riferito al recupero delle spese di istruttoria, chiunque formuli istanza di accesso agli atti di un fascicolo di sinistro stradale è tenuto a versare tale somma, anche nel caso in cui chieda la trasmissione degli atti in formato digitale, attraverso la P.E.C. (Posta elettronica Certificata) o attraverso una e-mail non certificata.

Dunque, nel caso in cui si chieda l’invio in formato digitale degli atti mediante pec o mediante e-mail non certificata, assieme alla richiesta di accesso adeguatamente motivata e corredata dalla copia del documento di identità del richiedente, dovrà essere allegata la copia del versamento di € 35,00 sul CCP n° 14111652 – IBAN n° IT86S0760115400000014111652 – intestato a Comune di Città Sant’Angelo – servizio di tesoreria – recante la causale Diritti di istruttoria per copia atti sinistro.

Il Comandante della Polizia Locale
Dott. Luca Marzuoli