Contrasto al fenomeno della prostituzione
Ordinanza N. 44 del 03/06/2020

1. in tutto il territorio del Comune di Città Sant’Angelo (PE) ed in particolare – vista l’elevata antropizzazione e la presenza di importanti arterie stradali – nel tratto della SS16 Adriatica che attraversa l’abitato di Marina di Città S. Angelo e congiunge il territorio del Comune di Città Sant’Angelo (PE) con quello di Silvi (TE) con quello di Montesilvano (PE), è vietato a chiunque: 

  • contrattare prestazioni sessuali su strada; 
  • sostare sul suolo pubblico anche con abbigliamento atto a coprire il corpo in minima parte, in atteggiamento che inequivocabilmente connota l’esercizio dell’attività di meretricio; 
  • intrattenersi, anche dichiaratamente solo per chiedere informazioni, con soggetti che esercitano l’attività di meretricio su strada o che per l’atteggiamento, ovvero per l’abbigliamento, ovvero per le modalità comportamentali, manifestano comunque l’intenzione di esercitare l’attività consistente in prestazioni sessuali. 

2. Se l’interessato è a bordo di un veicolo, la violazione si concretizza anche con la semplice fermata al fine di contattare il soggetto dedito al meretricio; 

3. consentire la salita sul proprio veicolo di uno o più soggetti come sopra identificati costituisce conferma palese dell’avvenuta violazione della presente ordinanza; 

4. questa ordinanza avrà efficacia fino alle ore 24:00 del 31/12/2020, in considerazione del fatto che – specie nel tratto di SS16 Adriatica che attraversa l’abitato di Marina di Città S. Angelo e congiunge il territorio del Comune di Silvi (TE) con quello del Comune di Montesilvano (PE) – i notevoli flussi turistici e le manifestazioni civili e religiose che si svolgono durante l’anno, implicano un aumento esponenziale del volume di traffico e – conseguentemente – del numero di persone presenti, tenuto conto che le via sopra indicate rappresentano anche il principale percorso di accesso agli esercizi commerciali situati nel territorio comunale (Iper Conad – Acqua & Sapone – Euro Spin – Cittasantangelo Outlet – Brico – Pittarello – Mondo Convenienza, per citarne solo alcuni), oltre che importanti arterie di traffico, normalmente interessate da elevati flussi di veicoli e pedoni. 

 

SI AVVERTE CHE: 

1. l’accertamento della violazione a questa ordinanza potrà avvenire, oltre che con le modalità stabilite ex art. 13 e 14, comma 1°, della L. 689/1981, anche mediante l’utilizzo di apparecchiature fotografiche, telecamere, e/o qualsiasi altro strumento di ripresa di immagini, che consenta di individuare con precisione gli elementi essenziali ed indispensabili per la contestazione differita della violazione, ai sensi del comma 2° della L. 689/1981 e delle altre leggi vigenti in materia di contestazione differita e notificazione delle violazioni amministrative; 

2. ferma restando l’applicazione delle eventuali ulteriori sanzioni penali ed amministrative previste da altre leggi e regolamenti – con particolare riguardo ai provvedimenti emanati per fronteggiare l’epidemia da Covid-19 – e fermi i limiti edittali stabiliti dall’articolo 7-bis del D. Lgs. 18.08.2000, n. 267 per le violazioni alle ordinanze comunali, la violazione di questa ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 25,00 ad euro 500,00, con facoltà per il trasgressore di estinguere l’illecito mediante il pagamento in misura ridotta della somma di € 450,00 (quattrocentocinquanta/00); 

3. come previsto dall’articolo 13 della legge 24 novembre 1981, n. 689, resta salva la possibilità per gli organi accertatori di procedere al sequestro cautelare delle cose che servirono o furono destinate a commettere la violazione o che ne sono il prodotto; 

4. questa ordinanza potrà essere reiterata per ulteriori periodi, tenuto conto del permanere delle motivazioni che ne costituiscono le premesse e dei maggiori flussi turistici che certamente si riscontreranno nell’ imminente periodo estivo. 

 

L’ordinanza completa 👉 AttoPubblicato_2020_12_44